0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Occhi che lacrimano: cause e rimedi

Gli occhi che lacrimano in maniera discontinua e senza ragione apparente in un periodo di tempo anormalmente lungo necessitano di un’attenzione particolare. Si consiglia di consultare un oftalmologo fin dai primi sintomi.


Sintomi

Gli occhi lacrimano perché devono essere idratati regolarmente: si tratta di un fenomeno naturale di difesa e lubrificazione dell’occhio che ne permetto il buon funzionamento. L’eccessiva lacrimazione è considerata anormale nel momento in cui diventa un impedimento per la vita quotidiana e può essere associata a rossore e dolori. Questi sintomi sono una spia d’allarme e bisogna sottoporsi ad una visita oftalmologica.

Cause

L’infiammazione della sacca lacrimale dell’occhio o il cattivo funzionamento dei dotti lacrimali provoca un eccessiva e persistente lacrimazione. In generale questo fenomeno concerne le persone al di sopra dei 70 anni. Questo fenomeno può essere dovuto ad un restringimento dei canali lacrimali. Un rigonfiamento tra l’angolo interno dell’occhio e il naso, suggerisce la presenza di un’infezione poiché l’assenza di lacrime favorisce la risalita dei batteri fino alle ghiandole lacrimali. L’ostruzione delle vie lacrimali può essere anche causata dalla formazione di cisti all’interno del canale lacrimale.
Si può trattare anche di un’ipersecrezione provocata da un agente irritante, come un’allergia o un corpo esterno nell’occhio. Le lacrime giocano un ruolo maggiore per l’espulsione della polvere. Paradossalmente, l’ipersecrezione può verificarsi nell’adulto a causa della secchezza oculare, proprio per riequilibrare l’occhio mal lubrificato. 
A partire dai 50-60 anni il 15% della popolazione riscontra il fastidio della secchezza oculare, dovuta a diverse cause (iposecrezione, composizione delle lacrime diversa, alterazione della ghiandola lacrimale). Anche alcuni medicinali possono avere come effetto collaterale un’eccessiva lacrimazione.

Diagnosi e trattamento

La diagnosi dev’essere fatta da un oftalmologo che procederà ad un esame per determinare l’origine di questo disturbo. A seconda delle cause sono possibili diversi trattamenti. Da una sonda temporanea, in caso di restringimento delle via lacrimali, a un’operazione chirurgica per liberare il dotto. In caso di secchezza oculare, l’utilizzo di collirio come sostituto delle lacrime è indicato.

Prevenzione

È possibile evitare di avere gli occhi che lacrimano in caso di vento, o in caso di allergia utilizzando degli occhiali. Se possibile limitare le lunghe uscite e lavarsi regolarmente gli occhi.
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo