0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

1 febbraio 1945: il voto alle donne è legge

Il 1 febbraio 1945 il Parlamento italiano approva il decreto legislativo numero 23 che estende alle donne (prostitute escluse) il diritto di voto. 

Il 2 giugno 1946 le donne poterono votare grazie al decreto approvato il 1° febbraio dell'anno prima.


Il 1 febbraio 1945 il suffragio universale femminile è (quasi) compiuto. Quando la guerra non è ancora finita e l’Italia è ancora nella morsa fascista, sulla Gazzetta Ufficiale esce il decreto legislativo numero 23 che permette al popolo rosa - escluse le prostituteche esercitano il meretricio fuori dei locali autorizzati” che dovranno aspettare il 1947 - di andare alle urne.

Proposto da Palmiro Togliatti e Alcide De Gasperi e varato dal parlamento del terzo governo di Ivanoe Bonomi di cui fanno parte la Democrazia Cristiana, la Democrazia del lavoro, il Partito Comunista Italiano e quello Liberale, il decreto è il coronamento di una battaglia iniziata nella seconda metà del 1800, quando le lombarde femministe ante litteram decidono di far sentire la loro voce e pretendono che sia ascoltata. Tra loro ci sono le “giardiniere” Bianca Milesi e Teresa Casati Confalonieri, le salonnières Clara Maffei e Vittoria Cima e le educatrici Laura Solera Mantegazza e Selene Anselmi Kramer, l’aristocratica Cristina Trivulzio di Belgiojoso e la combattente Luisa Battistotti Sassi.

A quei tempi, per dirla con le parole di Vincenzo Gioberti, “la donna è in un certo modo verso l’uomo ciò che è il vegetale verso l’animale, o la pianta parassita verso quella che si regge e si sostenta da sé”. Insomma, la strada è decisamente in salita. Poco male: le donne si organizzano, nel 1868 Gualberta Adelaide Beccari fonda La donna, il primo periodico emancipazionista e il fermento inizia a fare rumore.

Prima di quel 1 febbraio 1945, le donne faranno passi avanti - grazie a signore del calibro di Sibilla Aleramo e uomini come Mazzini e Garibaldi - e indietro - nel Ventennio fascista - fino a quando la Guerra permetterà loro di scendere in campo, diventare (anche) partigiane (uno su 5 era una donna) e ottenere il diritto al voto. Diritto che oggi ogni donna dovrebbe onorare anche per rispetto di tutte quelle che, appena 71 anni fa lo sognavano.

Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo