0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Paura a Hollywood: l’attore playboy ha l’HIV

Hollywood ancora sotto choc, dopo i gossip arriva la confessione in tv di Charlie Sheen, l’attore rubacuori ha raccontato all'NBC di quando contratto il virus dell’HIV. Tra le sue conquiste attrici internazionali, top model e una pornostar che adesso lo accusa pubblicamente.

 

Charlie Sheen confessa di avere l'HIV e Hollywood trema. Tra le sue conquiste attrici, top model e star internazionali.


Hollywood trema dopo la rivelazione dell’attore playboy: “Ho l’HIV” e torna, nello scintillante universo del cinema americano, l’incubo dell’Aids. A portarlo, ancora una volta, sotto i riflettori della cronaca internazionale è stata la confessione choc di Charlie Sheen, rubacuori seriale, che - dopo giorni e giorni di pettegolezzi - ha finalmente raccontato di essere malato durante la puntata del 17 novembre della trasmissione Today della NBC.

L'interprete di Wall Street e Platoon (già noto ai più per il suo curriculum ricco di sregolatezze tra risse, alcool e abusi di droga) si è quindi rivelato come l'attore principale di questa brutta vicenda. "HIV, sono tre lettere dure da digerire - ha raccontato -. Tutto è iniziato con quello che pensavo fosse una serie di mal di testa e ora devo porre fine a questa serie di attacchi, pseudo-verità e storie molto dannose secondo le quali io starei minacciando la salute di tante persone. Non c'è niente di così lontano dalla verità".

E dopo le prime accuse (tutte fatte a volto coperto, senza rivelare nome e cognome) adesso arrivano le prime denunce ufficiali. A firmare la numero uno è stata l'ex fidanzata del divo, la 26enne Scottine Ross che ha raccontato di aver avuto rapporti non protetti con Sheen ai tempi della loro liaison accusandolo poi anche di violenze domestiche e di averla costretta ad abortire quando lei - che all'epoca lavorava nel mondo del porno - ha scoperto di essere rimasta incinta di lui.  

Ad accusarlo, prima di lei, era stata una nota pornostar che, al Mirror, aveva spiegato - senza fare nomi - che l'attore di Wall Street avrebbe avuto rapporti sessuali non protetti con almeno 50 colleghe raccontando poi di quando lei stessa cadde in questo vortice di passione rimanendo incinta ma decidendo poi di abortire. 

La paura adesso era quella del contagio a tappeto con il conseguente, presunto, panico (almeno, si diceva, tra i legali di lui) della pioggia di cause milionarie che sarebbero seguiti a stretto giro. I presupposti d'altra parte, guardando al racconto della porno attrice, avrebbero potuto esserci tutti anche perché. secondo la regina dell'hard, proprio il suo ex amante avrebbe potuto essere il responsabile della recente ondata di Hiv che ha colpito il mondo a luci rosse.

Niente di più falso secondo Sheen che, dopo aver ammesso di aver avuto rapporti non protetti, ha fatto un passo indietro. "I medici - ha sostenuto - mi hanno assicurato che con certi farmaci che ho assunto non c'era nessun rischio di contagio. Se ho trasmesso il virus a qualcuno, è stato in modo inconsapevole. Quando ho scoperto di essere sieropositivo ero molto depresso, e vivevo tra alcol e droga, e quindi non ho cambiato il mio comportamento".

La trama ricorda quella di un torbido action movie a base di sesso e potere ma, questa volta, l’ambientazione è quella fredda e reale della pagine di cronaca. Una storia pericolosa che adesso Charlie prova a mettersi alle spalle per ricominciare. "Ora ho la responsabilità di migliorare me stesso e di aiutare gli altri - ha concluso infatti nella lunga intervista - e spero che con questa intervista qualcuno possa dirmi grazie Charlie".

Prima dei ringraziamenti, però, resta un dubbio: perché Charlie Sheen ha scelto di non dichiararsi finora? Gli inviti a uscire allo scoperto, secondo quanto riporta il The Sun senza fare nomi, gli sono stati rivolti spesso ma lui ha sempre detto di no. 

Copyright foto: Fotolia

Il documento intitolato « Paura a Hollywood: l’attore playboy ha l’HIV » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.