Mialgia: sintomi e cause

Fai una domanda
Le mialgie sono dei dolori muscolari di intensità variabile che sono percepiti a livello dei muscoli, in particolar modo i muscoli a comando volontario che sono sotto il controllo del sistema nervoso centrale.


Definizioni

La mialgia è solita colpire i muscoli striati dello scheletro, che come già accennato, sono controllati dal sistema nervoso e, dunque, si tratta di muscoli volontari: muscoli del collo, situati lungo la colonna vertebrale; muscoli degli arti superiori e inferiori e muscoli del tronco. Molte le origini che soggiacciono alla causa di questi dolori muscolari: contusioni, trauma, un movimento falso che provoca torcicollo o mal di schiena, alcune malattie, tra cui l’influenza, l’epatite, la poliomielite e altre patologie neurologiche.

Cause

In generale i dolori muscolari derivano da sforzo fisico, durante il quale i muscoli sono largamente sollecitati. Si parla di dolori muscolari che portano al riposo forzato, come nel caso di malattie virali, influenza, febbre e alcuni casi più gravi, quali le polineuropatie, che richiedono indagini più approfondite.

Sintomi

I sintomi della mialgia sono, per definizione stessa della parola, dei dolori muscolari. La ricerca più specifica del tipo di dolori percepito dal paziente, consente di orientare il medico verso la sua causa. I dolori possono essere localizzati su un muscolo o un gruppo di muscoli o generalizzati, associati ad altri dolori quali i dolori articolari. Essi possono essere risentiti in maniera brutale o progressiva, e tradursi in un prurito o formicolio, una sensazione di bruciore. I dolori possono essere aumentati in caso di movimento o forzo, o sopraggiungere a riposo, in caso di totale immobilità del soggetto. È il caso questo delle atrofie muscolari, che ricercano altre cause e altri sintomi specifici.

Diagnosi

La diagnosi della mialgia è facile da determinare: il paziente mostra al medico dove gli fa male e l’esame clinico mette in evidenza il dolore o resta soggettivo. Vari esami complementari sono possibili e atti a ricercare la causa: ecografia, che consente di segnalare un ematoma, uno stiramento muscolare o strappo di alcune fibre e altri esami, tipo prelievo del sangue e bilancio della CPK, o creatinfosfochinasi, che in alcuni casi possono aumentare.

Cura

Esistono trattamenti specifici della mialgia, legati all’identificazione e al trattamento della causa. Per le mialgia traumatiche, basta applicare del ghiaccio sulla zona dolorosa e sollevare il muscolo colpito o comprimerlo con una benda. In caso di forti dolori può essere somministrati degl’analgesici e dei miorilassanti. Il riposo è consigliato.