0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Controsoffitto in cartongesso: come realizzarlo?

Un controsoffitto è una struttura che abbassa il livello del soffitto esistente. È un’ottima soluzione per nascondere le tubature, gli impianti elettrici, uno strato isolante e per risolvere altri problemi estetici e architettonici. Tra i materiali più usati per realizzarlo c’è il cartongesso. Vediamo come costruire un controsoffitto di questo tipo con i consigli di Cesare Cassinelli, capo prodotto edilizia di Leroy Merlin. 

Il controsoffitto è importante ed è un'ottima soluzione per nascondere le tubature.

Costruire un controsoffitto: cosa serve? 

Per quanto riguarda i materiali, avrete bisogno “della guida perimetrale che funge da supporto per il fissaggio delle lastre, nella quale andranno a incastrarsi le guide a C, sorrette dai pendini con gancio appesi al soffitto esistente. Poi delle lastre di cartongesso, spessore 1 cm, con viti, nastro e stucco per la finitura”, spiega Cesare Cassinelli di Leroy Merlin. Per quello che riguarda gli attrezzi e altri strumenti utili, vi serviranno “un trapano, una livella, un avvitatore, tasselli ad espansione e spatola”. A questo punto, potete mettervi all’opera!

Costruire un controsoffitto: le tappe 

Prima tappa: “tracciate il perimetro del controsoffitto sui muri e si fissate le guide perimetrali”, spiega Cesare Cassinelli.
Seconda tappa: “forate il soffitto posizionando tasselli ad espansione con gancio”.
Terza tappa: attaccate a questi ganci i “pendini con relativo gancio con molla, che serve per bloccare le guide a C”.
Quarta tappa: posizionate le guide a C. Questi elementi “sorretti dai pendini ed incastrati nelle guide perimetrali costituiscono l'ossatura, che realmente rende solido il controsoffitto”.
Quinta tappa: una volta realizzata questa struttura, vi basterà “avvitare le lastre di cartongesso e procedere alla successiva stuccatura dei giunti tra le lastre”.
Il controsoffitto è pronto! Non vi resta che carteggiarlo leggermente e tinteggiarlo. 

Se avete seguito tutte le tappe, il vostro controsoffitto dovrebbe essere realizzato a regola d’arte. Cesare Cassinelli ci dà un ultimo consiglio per non sbagliare: “prestate una grande attenzione e precisione nella realizzazione dell'ossatura: se solida e piana, il controsoffitto finito sarà perfetto!”.

Copyright foto: Istock

Il documento intitolato « Controsoffitto in cartongesso: come realizzarlo? » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.