0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Shatush: cos'è e perché non passa di moda!

Sono state le star, da Drew Barrymore a Cameron Diaz passando per Belen Rodriguez, a lanciare la tendenza. Poco a poco, lo Shatush ha conquistato anche il grande pubblico. Il tempo passa, ma i capelli dalle punte schiarite sono ancora di moda. Facciamo chiarezza su questa tecnica con Marco Terzulli, hair stylist e make-up artist.

Lo Shatush è una tecnica che permette di schiarire i capelli su punte e lunghezze.


Cos'è lo Shatush?
Belen Rodriguez, Lea Michele, Khloe Kardashian... lo Shatush ha fatto impazzire le star di tutto il pianeta. Ma di cosa si tratta esattamente? “Questa colorazione consiste nel creare delle sfumature irregolari a contrasto con il colore di base, lasciando un effetto ricrescita più o meno evidente” spiega Marco Terzulli. La particolarità della tecnica Shatush “è il fatto di cotonare i capelli; con i balayage, riflessi e quant'altro si ottengono comunque delle sfumature, ma senza cotonare le ciocche”. Altra particolarità: lo Shatush non si applica alle radici, ma solo su punte e lunghezze. Insomma, l'effetto è un po' quello della chioma schiarita da sole e bagni in mare durante le vacanze.

Perché lo Shatush va di moda?
Secondo Marco Terzulli, “è un trattamento molto apprezzato per il suo effetto naturale. Inoltre, al contrario del classici colpi di sole, lo Shatush non obbliga a ritocchi più o meno frequenti”. La ricrescita dei capelli, infatti, non intacca le sfumature, e il contrasto resta “armonioso e piacevole”.

Chi può fare lo Shatush?
All'inizio, questa tecnica era riservata alle donne con i capelli biondi o castano chiaro. Oggi, lo Shatush è alla portata di tutte, more comprese. Il risultato finale sarà diverso a seconda “del colore di base e da quanto si vuole evidente l'effetto delle sfumature”, precisa Marco Terzulli. Per esempio, “su un capello castano abbastanza scuro si può pensare di realizzare uno Shatush color castagna, cioccolato o rame, evitando un contrasto estremo troppo chiaro”. Insomma, l'idea è quella di ottenere un contrasto naturale al posto dei tanto temuti capelli bicolore!

Lo Shatush può essere fatto anche sui capelli tinti. Attenzione però: si tratta pur sempre di una colorazione e, a lungo andare, potrebbe danneggiare la chioma. Prima di lanciarsi, Marco Terzulli consiglia di fare “una diagnosi dei capelli” dal parrucchiere. “È importante capire lo stato di salute dei capelli per evitare di stressarli”, soprattutto “se già si presentano sensibilizzati da precedenti colorazioni”. 

Come si ottiene l'effetto Shatush?
Potete realizzare lo Shatush a casa vostra, con gli appositi kit. Se non avete dimestichezza con le tinte, però, prendete appuntamento dal parrucchiere. Sarà lui a prendersi cura della vostra chioma.

Come si procede?
Per prima cosa,  i capelli vengono “divisi in sezioni, a seconda dell'effetto e della quantità di sfumature che si vuole ottenere”, spiega Marco Terzulli. Dopo aver cotonato le ciocche, il parrucchiere “applica il prodotto schiarente con un pennello o con le mani. Raggiunto il tono di schiaritura desiderato, si prosegue rimuovendo il prodotto al lavaggio”. Per finire, possono essere effettuati dei ritocchi per raggiungere il risultato desiderato.

Come prendersi cura dell'effetto sfumato?
Lo Shatush ha un vantaggio rispetto alle tinte vere e proprie: per liberarsene, basta tagliare i capelli! L'alternativa è fare una nuova colorazione. Se volete che duri il più a lungo possibile, invece, dovete usare dei prodotti specifici per capelli colorati. Shampoo, oli e maschere ad hoc saranno i vostri migliori alleati.

E quando il colore comincia a sbiadire, non dovete ricominciare da capo. Basta fare dei ritocchi.  “Nel caso delle tonalità del biondo, lo Shatush si può ravvivare”, conferma Marco Terzulli, “mentre i colori più caldi (miele, rossi, castagna) si possono tonalizzare”.

Un ultimo consiglio?

È indispensabile decidere prima la parte stilistica del taglio per poter effettuare lo Shatush, enfatizzando e personalizzando il taglio stesso”, sottolinea Marco Terzulli. Questa tecnica, infatti, consiste nello schiarire punte e lunghezze. Tagliando i capelli dopo averli decolorati, rovinereste l'effetto della sfumatura!

Ringraziamo Marco Terzulli, hair stylist e make-up artist
Salone: Via Bartolomeo Gosio, 130
000191 Roma
Sito internet: www.marcoterzulli.com

Copyright foto: Imaxtree
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo