Malattie sessualmente trasmissibili: sintomi ed elenco

Fai una domanda
Le MST, malattie sessualmente trasmissibili, sono delle patologie molto varie. Esse infatti possono non essere gravi o al contrario annoverarsi tra le malattie mortali o essere totalmente asintomatiche.



Definizione

Le malattie sessualmente trasmissibili o MST, sono, come viene indicato dal loro nome, delle malattie che possono essere trasmesse durante un rapporto sessuale. Può trattarsi di qualsiasi tipo di rapporto non protetto: vaginale, anale ma anche orale. Tra le più comuni malattie sessualmente trasmissibili, o malattie veneree, troviamo: l’AIDS, la sifilide, o altre infezioni vaginali come l’uretrite da clamidia o l’herpes genitale.

Modalità di trasmissione

Les MST sono definite “sessualmente trasmissibili” ma ciò non significa che esse possano essere trasmesse soltanto per via sessuale, ma che ciò costituisce solamente uno dei loro metodi di trasmissione. Per esempio, l’HIV è un virus che si trasmette per via sessuale, ma anche per via sanguigna o tramite il contatto tra un liquido contaminato e le mucose. Alcune MST però sono trasmissibili solamente per via sessuale: è il caso soprattutto del papilloma virus che è coinvolto nell’apparizione di lesioni che possono evolvere in un cancro al collo dell’utero.

Sintomi

I sintomi variano molto da una malattia all’altra.

Le varie malattie sessualmente trasmissibili

Nel 1998, l’OMS calcolava che ci fossero, al di fuori dell’HIV, più di 333 milioni di casi di MST recensite in tutto il pianeta. Alcune tra di esse, come l’herpes o l’HIV, sono conosciute al grande pubblico soprattutto per la loro mediatizzazione e per le relative conseguenze che possono avere. Altre invece sono poco conosciute e i loro sintomi sono spesso ignorati per molto tempo, ritardando così la loro assistenza. Ma, anche se la maggior parte delle MST non sono letali, esse possono avere delle conseguenze per l’apparato uro-genitale nell’uomo o nella donna, per la possibilità di procreare o per lo sviluppo del feto nella donna incinta. Le MST, sia che esse siano dovute ad un virus, a dei funghi, a dei retrovirus o a dei batteri, devono essere dunque individuate e curate il più presto possibile. I loro sintomi (bruciori, pruriti, versamenti di liquidi abnormi, sanguinamenti, odori insoliti rossori, edema, dolori durante i rapporti sessuali o durante la minzione, febbre e stanchezza) devono essere segnalati al vostro medico in assoluta urgenza.

Prevenzione

Anche se la via sessuale non è sempre il solo metodo di trasmissione delle MST, l’uso del preservativo (maschile o femminile) permette comunque di limitare la loro propagazione. Per alcune MST esistono anche dei metodi di prevenzione efficaci come la vaccinazione contro il papilloma virus.


Foto: © Guryanov Andrey - Shutterstock.com