Dolore al fegato: cause, sintomi e rimedi

Fai una domanda
Il dolore al fegato, o mal di fegato, è un termine generico spesso annoverato tra le manifestazioni sintomatiche di una serie di patologie che possono interessare il fegato.


Sintomi

Si parla di dolore al fegato quando si accusa un dolore al fianco destro dell’addome, parte anatomica nella quale si colloca appunto il fegato. Molto spesso, però, questo sintomo - che ha varia natura con dolori lancinanti o che comportano l’ingrossamento della zona - non è da ricondurre direttamente al fegato, ma ad altri organi limitrofi o esterni come: duodeno, colon, cistifellea, pancreas e colecisti.

Cause

Il dolore al fegato può avere origini epatiche o extra epatiche, o molto spesso può anche essere determinato da un’attività sportiva intensa, problemi muscolari o anche ad una dieta scorretta.

Cause extraepatiche

Come accennato, il dolore al fegato può essere un sintomo che travalica tutte quelle malattie strettamente correlate all'organo epatico e possono interessare altri organi. In particolar modo il dolore al fianco destro può sopraggiungere in caso di gastrite, ulcera (ulcera gastro duodenale), sindrome del colon irritabile, pancreatite, aneurisma dell’aorta addominale, infiammazione del nervo costale, problemi ai muscoli o ai legamenti. Anche nel caso di un’indigestione di cibi ricchi di grasso, sovrappeso e attività fisica forte possono essere tra le cause che portano a questo sintomo.

Cause epatiche

Specifiche dei danni al fegato o alla cistifellea, le malattie epatiche sono tra quelle che molto spesso manifestano questo dolore tra i loro principali sintomi: Ricordiamo l’epatite, cronica o acuta, le coliche biliari, che interessano principalmente la cistifellea e la steatosi epatica, chiamata volgarmente fegato grasso, che tra le altre cose vede un accumulo di trigliceridi nel tessuto al quale sussegue un aumento del volume del fegato.

Rimedi

A seconda della diagnosi determinante di patologie epatiche o extraepatiche possono essere svolti dei test inerenti alla funzione epatica o altri esami come ecografia, TAC, RMN, atti a visualizzare lo stato generale in cui versa il fegato, le vie biliari o altri organi che potrebbero essere interessati. Determinata la causa, il trattamento risulta essere specifico. In caso non si riscontrino patologie viene consigliata una dieta equilibrata e meno ricca di grassi, eliminando le bevande alcoliche e sospendendo l'assunzione di farmaci, come gli antinfiammatori, che possono affaticare l’apparato gastrointestinale.

Foto: © Ema Woo - Shutterstock.com

Potrebbe anche interessarti