Gentamicina e betametasone: Gentalyn Beta® e altri farmaci

Fai una domanda
Gentamicina e betametasone è una composizione farmaceutica che unisce le proprietà di un antibiotico, la gentamicina, a quelle di un cortisone, il betametasone. Ecco a cosa serve e quando utilizzarlo.



Indicazioni

La proprietà associata di gentamicina e betametasone è indicata per trattamenti di tipo cutaneo quali prurito anogenitale, alcuni tipi di dermatite, quali quella da contatto o seborroica, eritema, irritazioni da sfregamento o da stati, ossia correlata a problemi di circolazione sanguigna, dermatite da radiazione, dermatite da contatto, eczemi, brufoli e psoriasi.

Farmaci a base di gentamicina e betametasone

Il composto associato di gentamicina e betametasone viene commercializzato sotto diverse nomenclature farmaceutiche. Tra queste lo troviamo in Gentalyn Beta®, in Fucicort crema®, Tevabeta®, Sterozinil crema®, Egerian®, Kamelyn Crema®, Fidagenbeta crema®, Brexagentbeta®, eccetera. Mentre come farmaco genetico Gentamicina e betametasone® è prodotto da diverse case farmaceutiche quali Zentiva, Teva, Mylan, Hexal, e altre ancora. La formulazione è disponibile in crema, per uso topico sulla pelle. Il prezzo di gentamicina e betametasone varia dai 10 ai 15 euro per confezione.

Posologia e dosaggio

La composizione gentamicina e betametasone è acquistabile in farmacia, non necessariamente previa prescrizione medica, ma il suo utilizzo deve, in ogni caso, attenersi alle indicazioni del medico. Solitamente, la crema viene applicata per almeno due o tre volte al giorno, in piccole quantità, direttamente sulla zona da trattare. In caso venga usato come trattamento curativo di lesioni o psoriasi può essere utilizzato in associazione ad un bendaggio che favorisce migliori risultati in ambito terapeutico.

Effetti collaterali

L’applicazione di creme a base di gentamicina e betametasone puo provocare diversi effetti collaterali indesiderati a seconda del soggetto. Tra questi sintomi collaterali è possibile che si manifestino: prurito, eritema, eruzione cutanea, secchezza e bruciore della pelle, brufoli e irritazione, follicolite, ipopigmentazione e dermatite allergica o che colpisce l’area intorno alla bocca. Nel caso in cui la crema a base di gentamicina e betametasone venga utilizzata come bendaggio occlusivo, è possibile che si sviluppino smagliature, infezioni secondarie, lesioni cutanee, infiammazione. I bambini sono i più assoggettati alla manifestazione di effetti collaterali derivati dall’uso di cortisone. Per tale motivo si consiglia di chiedere consulto del proprio medico prima di somministrarlo ai bambini e di fare attenzione. In alcuni casi la comparsa di effetti indesiderati durante il decorso della terapia possono comportare la sua sospensione. Consultare il medico per maggiori informazioni.

Controindicazioni

Pazienti che soffrono di tubercolosi cutanea o che presentano infezioni cutanee provocate dall’herpes simplex non devono usare gentamicina e betametasone, come anche in soggetti ipersensibili ai corticoidi o agli antibiotici. Esso è non controindicato in donne in stato di gravidanza o allattamento, ma il suo uso deve essere protratto per breve periodo e con dosi ridotte, previo consiglio del medico e per quei casi in cui è strettamente necessario.

Avvertenze

L’insorgenza di irritazione e sensibilizzazione cutanee correlate al trattamento a base di gentamicina e betametasone comporta la sospensione della terapia. Il betametasone, in particolare, può contribuire alla diminuzione delle funzionalità surrenali. Inoltre, l’utilizzo di questa accoppiamento farmacologico per lunghi periodi può determinare un aumento delle resistenze ai batteri e ai miceti e un maggiore assorbimento cutaneo. Non applicare negli occhi e avvertire il medico se si stanno utilizzando altri farmaci o rimedi omeopatici e erboristici, anche se non sono note interazioni farmacologiche di alcun tipo.


Foto: @ DENYS Rudyi - 123RF