Acetilcisteina: scheda tecnica

Fai una domanda
L’acetilcisteina è una molecola le cui proprietà mucolitiche sono adoperate principalmente nelle affezioni delle vie respiratorie superiori caratterizzate da mucosità dense e difficili da espettorare.


Indicazioni

L’acetilcisteina è commercializzata da numerosi laboratori farmaceutici in differenti forme: soluzione orale, bustine di polvere, fiale per inalazione e perfusione (uso ospedaliero), compresse effervescenti e iniezioni. L’assunzione di acetilcisteina si fa nella terapia della tosse grassa e va quindi sospesa in caso di miglioramento dei sintomi. La posologia giornaliera consigliata varia in funzione della formulazione del farmaco.

Proprietà

L’acetilcisteina entra nella composizione di diversi farmaci destinati a fluidificare le secrezioni bronchiali. Questa sostanza attiva favorisce anche l’eliminazione delle mucosità con la tosse ed è in genere prescritta in caso di grosso”ingombro” bronchiale associato a tosse “grassa”.

Farmaci a base di acetilcisteina

Diversi laboratori farmaceutici commercializzano questa sostanza attiva con i seguenti nomi e marche Fluimucil® (scioppo, bustine, soluzione iniettabile e compresse effervescenti), Mucisol® (soluzione per suffumigi), Solmucol® (soluzione orale, soluzione iniettabile), Altersol® (soluzione orale, soluzione iniettabile) o nella sua forma di farmaco generico messa in commercio da Sandoz, Ratiopharma e EG.

Controindicazioni

È assolutamente vietato l’uso di questo principio attivo nei bambini di meno di 2 anni. In assenza di informazioni affidabili, se ne sconsiglia l’assunzione durante la gravidanza, ma lo si può assumere durante l’allattamento, avendo cura di avvertire il medico.

Effetti collaterali

Come tutte le sostanze attive, l’acetilcisteina può causare effetti collaterali come reazioni allergiche (eruzioni cutanee, prurito, orticaria), disturbi gastrointestinali (nausea, diarrea, dolori gastrici) e disturbi respiratori.