0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Birra e colesterolo: uno studio la rivaluta 

Quanta birra si può bere al giorno, se si ha il colesterolo alto? Uno studio risponde proprio a questa domanda. Con esiti inaspettati: un “piccola” preserverebbe il colesterolo buono. 
 

Birra colesterolo trigliceridi: tre parole che pensavamo non andassero d’accordo. Ora uno studio rivaluta la birra. © Valentyn Volkov / 123RF

Cosa non bisogna mangiare per il colesterolo alto? Una birra, si pensava, era esattamente una delle bevande da non mettere in tavola. Ma adesso a cambiare le carte ci pensa uno studio americano condotto in Cina, presentato al congresso della American Heart Association di New Orleans (Los Angeles): si dimostra che una birra piccola al giorno preserverebbe il colesterolo buono (o Hdl) prevenendo anche problemi cardiovascolari più gravi.

Uno dei coautori dello studio, Shue Huang, della Pennsylvania State University, spiega che il team di ricercatori ha analizzato 80,081 adulti cinesi di 49 anni in media. Il consumo medio di ciascuno è stato diviso, in base alle loro abitudini, come mai, in passato, leggero, moderato e bevitori forti. Quel che hanno scoperto i ricercatori è che un consumo moderato di birra ha favorito il colesterolo buono, cosa che non è accaduta con le atre tipologie di bevitori o con chi beveva altri tipi di alcolici, come vino o liquori: in questo caso i livelli di colesterolo buono diminuivano nel tempo.  

Il documento intitolato « Birra e colesterolo: uno studio la rivaluta  » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.