0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Prevenzione tumore al seno: #senonlosai

Per la cura e la prevenzione del tumore al seno c'è #Senonlosai, l'ebook scritto dal famoso senologo Alberto Luini per rispondere a tanti dubbi che (ancora) molte donne hanno.

L'ebook #Senonlosai è un modo semplice e immediato pe informarsi in maniera completa sulla prevenzione del tumore al seno.


Prevenzione e cura, quando si parla del tumore al seno le domande sembrano non finire mai. Si parte dalla prevenzione, dai rischi, dai dubbi. Si passa ai trattamenti, diagnosi, cure. Certezze ce ne sono, eppure l'informazione sul cancro al seno ancora non è sufficiente. Ecco perché alcuni medici hanno deciso di mettere per iscritto i loro consigli (e suggerimenti) alle donne.

Tumore al seno: l'ebook

Proprio il quadro di donne che, ancora oggi, restano poco informate sul tema, ha spinto il noto senologo Alberto Luini a scrivere un ebook dal titolo originale, #Senonlosai alla portata di ogni donna (0,99 centesimi) per informarsi, prevenire e curare. Utilissimo anche lo guardo sul fondamentale tema dell'alimentazione, con l'apporto della dottoressa Lucilla Titta, esperta nella correlazione tra alimentazione ed epidemiologia. Un tono semplice e mai noioso o tecnico accompagna la lettrice tra le varie sezioni, su controlli e prevenzione, diagnosi, chirurgia e molto altro, grazie anche dell'apporto della senologa-scrittrice MariaGiovanna Luini.

La prevenzione: cos'è?

Il libro ci ricorda che ci sono due tipi di prevenzione. Da una parte la prevenzione primaria: tutto ciò che si può fare (o evitare) per ridurre il rischio di ammalarsi. Ad esempio, non fumare, vaccinarsi contro il Papillomavirus, fare attività fisica con regolarità e scegliere la giusta alimentazione. La prevenzione secondaria consiste nella diagnosi precoce, mentre la prevenzione terziaria è l'insieme delle procedure che riducono il rischio di conseguenze gravi di una malattia, dalle ricadute alle complicanze.

Cos'è il rischio familiare?

#Senonlosai ci ricorda che contare i parenti che hanno avuto un tumore è un'indicazione molto generica. Il rischio personale e familiare si calcola solo con test computerizzati molto specifici, esami specialistici e colloqui con gli specialisti.

Quali esami vanno fatti per prevenire il tumore al seno?

Se una donna non ha elementi di sospetto di una mutazione genetica, si suggerisce di fare:
- dai 30 anni: ecografia mammaria bilaterale annuale
- dai 40 anni: mammografia ogni due anni (oppure ogni anno, su indicazione del medico) ed ecografia mammaria ogni anno
- dai 50 anni: mammografia ed ecografia ogni anno.

Quali sono i fattori di rischio?

La premessa dell'ebook è importante: il 70% dei casi di tumore al seno si verifica in donne che non hanno fattori di rischio identificabili. Per questo tutte devono fare controlli periodici. Tra i fattori di rischio, comunque citati nell'ebook, troviamo: sviluppo mestruale precoce, menopausa tardiva, prima gravidanza dopo i 30 anni o assenza di gravidanze, non aver allattato al seno, il consumo di alcol (massimo un bicchiere piccolo al giorno), familiarità e l'eventuale mutazione di alcuni geni del DNA.

Qual è una dieta rosa?

Tra i tanti spunti utili, nell'ebook è presente una dieta rosa, con consigli che oltre alla tavola abbracciano il nostro stile di vita. La dottoressa Titta consiglia, tra le altre cose, di praticare uno stile di vita attivo, mantenersi normopeso, comporre i pasti per metà di frutta e verdura, bere acqua, consumare cereali e derivati integrali, consumare solo occasionalmente alimenti ad alta densità energetica (dai dolciumi ai formaggi stagionati), limitare molto gli alcolici, cucinare in modo salutare, al forno, in acqua o al vapore.

Copyright foto: Fotolia
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo