0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Costipazione: cause e sintomi

La costipazione ha diverse cause rintracciabili soprattutto in uno stile di vita inadeguato ma anche a diverse cause organiche. Vediamone alcune qui di seguito insieme ai sintomi correlati.

Costipazione, un disturbo molto comune con cause e sintomatiche diverse.


Costipazione e cause organiche 

La costipazione si presenta come un sintomo: in un primo tempo quindi il medico cercherà innanzitutto di determinare cosa provoca questa condizione al fine di scartare eventuali cause di natura organica.

Il dottore comincerà dunque con un questionario medico, volto a definire meglio il problema e individuare altri sintomi eventualmente connessi: il paziente ha sempre sofferto di stitichezza o è un sintomo apparso di recente? Che tipo di farmaci assume? Ha notato altri cambiamenti (perdita di peso, stanchezza…)?
Al questionario segue un semplice esame clinico (palpazione).
In caso di dubbi, il medico può prescrivere ulteriori esami per fugare ogni ipotesi su altre patologie correlate alla stitichezza come:
- Tumore del colon-retto;
- Malattie metaboliche come diabete e ipotiroidismo;
- Diverse patologie a livello del colon;
- Le malattie neurodegenerative, come la sclerosi multipla e il morbo di Parkinson;
- Ansiolitici, antidepressivi, sali di ferro e diversi altri farmaci.

In tutti i casi sopra elencati, è opportuno curare la malattia soggiacente per veder scomparire la stitichezza. Purtroppo, essendo alcune tra queste delle patologie incurabili, bisognerà trovare delle soluzioni diverse per alleviare questo sgradevole disturbo.

Cattiva digestione: quando andare dal medico?

Nausea, vomito, gonfiore e costipazione sono disturbi digestivi per lo più benigni. Ma siete davvero in grado di riconoscere questi segnali e di capire quindi quand’è il caso di rivolgersi al medico? Ecco tutto ciò che c’è da sapere per stare bene col proprio intestino.

Stitichezza e cause nutrizionali

Fortunatamente, nella maggior parte dei casi, la stitichezza non è correlata a cause organiche ed è detta allora funzionale, dovuta a uno stile di vita non proprio ottimale.

 La principale responsabile è spesso l’alimentazione. In linea generale, infatti, non si assumono abbastanza fibre, l’ideale infatti sarebbe consumarne 25-30 g al giorno. Con l’alimentazione all'occidentale, se ne assumono appena 15-20 g al giorno.

Un’altra causa può essere la cattiva idratazione. Le feci, più solide e compatte, risultano difficili da espellere. Ricordiamo che in condizioni normali, bisogna bere almeno 1,5 L di acqua al giorno, oltre all’acqua contenuta già negli alimenti. Ma si trovano raramente le persone che ne assumono una tale quantità. 

Sebbene meno evidente, l’inattività fisica è un altro fattore che favorisce la stitichezza. Difatti, la sedentarietà rallenta il transito intestinale (i muscoli sono meno attivi) e può causare, alla lunga, degli ingorghi. Ancora una volta, lo stile di vita moderno, come lavorare tutto il giorno davanti al computer, contribuisce a rafforzare questo fenomeno.

I sintomi della costipazione

La costipazione è molto soggettiva: per alcuni non è un problema andare di corpo solo una o due volte a settimana, altri invece stanno male e accusano senso di gonfiore se non ci vanno tutti i giorni. I sintomi più comuni della stitichezza sono i seguenti:

- Quando si riesce ad andare di corpo meno di 3 volte a settimana (un giorno su due).
- Se la defecazione comporta uno sforzo, cioè quando bisogna spingere per espellere le feci. Da notare, inoltre, che questo sforzo non è innocuo per le persone con problemi di salute: difatti, fa aumentare la pressione arteriosa, con un rischio di aneurisma leggermente più elevato in tali circostanze.
- Le feci sono particolarmente solide e compatte, il che spiega d’altronde il fatto che siano difficili da espellere, essendo meno malleabili. Inoltre, esse possono danneggiare le pareti anali durante il passaggio, causando talvolta forti dolori al momento della defecazione. Se l’ano si lacera, si può addirittura trovare un po’ di sangue fresco nelle feci.
- Si avverte un senso di defecazione incompleta dopo essere andati di corpo, come se il retto non si fosse svuotato del tutto.
- Si prova un fastidio pressoché quotidiano, associato a gonfiore. Un disagio che può essere accentuato dalla comparsa di disturbi d’ansia, i quali ne rappresentano a volte anche la causa.

Per parlare di vera e propria costipazione devono presentarsi nell'individuo almeno tre di questi sintomi sopra citati.

Copyright Foto: Fotolia
Il documento intitolato « Costipazione: cause e sintomi » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.