0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

I nomi più strani? Li scova l'Istat

Belen e Nathan piacciono sempre di più, Concetta cala ma Anna resiste: ecco il contatore Istat per i nomi degli italiani.

Il contatore Istat elenca i nomi degli italiani nati tra il 1999 e il 2013.


Anche i nomi sono vittime delle mode. Lo sanno bene le 59 bambine nate tra il 2009 e il 2013 che sono state battezzate Belen e i ben 439 maschietti che, venuti alla luce nel corso del 2013, festeggeranno per sempre l’onomastico il giorno di San Nathan. A patto che un santo del genere esista davvero. 

A fotografare le bizzarrie italiane in fatto di onomastica ci pensa l’Istat con il contatore capace di elencare, a richiesta, tutti i nomi dei cittadini nati in Italia tra il 1999 e il 2013. Si scopre così che Anna è ancora un nome abbastanza gettonato (3119 neonate nel 2013) mentre Concetta piace sempre meno: nel 1999 è stato la scelta di 258 famiglie mentre nel 2012 hanno optato per questo nome solo 52 coppie di neo-genitori. Tra il 2003 e il 2010 popolarità in crescita per i nomi Kristal e Desirè, scelti rispettivamente per 588 e 1906  neonate, ma anche per Apple (con una punta nell’indice di gradimento durante il 2012), Summer (nel 2013 ben 12 nel Belpaese) e Xena

Grazie alla complicità dell’elezione di Papa Francesco sulle carte di identità di 10.553 giovanotti nati nel 2013 appare, invece, il nome del santo di Assisi (la scelta più gettonata in assoluto per i maschietti durante quell’anno) ma c’è stato chi ha fatto di più battezzando il fagottino appena consegnato dalla cicogna direttamente Papa. Stesso copione per celebrare la nascita dell’erede al trono d’Inghilterra, tra chi ha scelto la versione inglese del nome Giorgio e chi ha optato direttamente per Principe

E adesso? Il futuro dell’onomastica nostrana è ovviamente un segreto anche per il contatore Istat ma c’è da scommetterci: i nomi bizzarri non mancheranno



Copyright foto: Istock

Il documento intitolato « I nomi più strani? Li scova l'Istat » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.