0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Perdite bianche dense: perché?

Le perdite bianche e dense sono di norma fisiologiche, ma possono manifestarsi anche come sintomo di una patologia.


Cause delle perdite dense bianche e indolori

Le perdite vaginali sono un tipo di secrezione naturale che si manifesta in diverse occasioni (ovulazione, gravidanza, ecc.) senza destare particolari preoccupazioni. Le perdite bianche, infatti, sono secrezioni (dalla consistenza più o meno densa) il cui compito è di proteggere la vagina, se quindi queste perdite si manifestano senza essere accompagnate da altri disturbi (come prurito o bruciore) e si limitano a 24 ore la loro presenza è assolutamente fisiologica.

Prima e dopo del ciclo

Le perdite vaginali possono essere di diversi tipi, ma nel caso in cui si presentino bianche e dense sono tipiche del periodo pre o post mestruale. Per questo motivo non c’è da preoccuparsi, l’unico consiglio da seguire è mantenere una corretta igiene intima utilizzando dei saponi specifici.

Perdite bianche e dense in gravidanza

Perdite dense e bianche possono presentarsi anche in gravidanza. In particolare durante i primi tre mesi di gestazione si può osservare un aumento delle secrezioni da parte del [/faq/1777-cervice-uterina-definizione canale cervicale– per proteggere ancor più l’ovulo fecondato.
Siccome, però, in gravidanza aumenta il rischio di infezioni vaginali, nel caso in cui le perdite dovessero accompagnarsi a bruciore e diventare estremamente compatte, rivolgersi al proprio ginecologo per effettuare delle analisi specifiche.

Perdite e prurito

Se le perdite bianche e dense si accompagnano a prurito e bruciore queste secrezioni possono essere patologiche. In particolare se a questi sintomi si unisce anche un cattivo odore delle perdite può essere in atto un’infezione come la candida o altre malattie sessualmente trasmissibili. In questo caso bisogna rivolgersi al ginecologo che prescriverà la terapia antibiotica adatta.

Rimedi naturali

Se le perdite sono di natura patologica alla terapia prescritta dal ginecologo possiamo associare dei rimedi naturali come delle lavande vaginali a base di camomilla infusa in acqua tiepida. Per quanto riguarda invece i rimedi “interni” ci si può affidare a dei decotti di lavanda o ortica bianca, entrambe con proprietà antisettiche, astringenti e antinfiammatori.

Come prevenire le perdite

Per prevenire le perdite patologiche bastano dei semplici accorgimenti quotidiani. Per prima cosa è essenziale utilizzare dei detergenti intimi specifici che rispettino il pH vaginale, senza abusarne. È inoltre importante non abusare di antibiotici e lavande vaginali. Infine, si consiglia di utilizzare indumenti intimi di cotone e non troppo stretti.


FOTO:©Rui Santos/123RF
Aggiungi commento

Commenti

Commenta la risposta di utente anonimo