Quante volte si può prendere la pillola del giorno dopo

Fai una domanda
Ogni quanto si può prendere la pillola del giorno dopo? L’utilizzo del contraccettivo d'emergenza, genera tutt’ora molti dubbi ed opinioni contrastanti.



Quante volte assumere la pillola del giorno dopo

Per evitare le complicazioni, è bene evitare di assumere la pillola del giorno dopo più di una volta durante lo stesso ciclo mestruale. A causa del suo alto tasso di progesterone non si raccomanda il suo utilizzo che solo in casi estremi. Per evitare una gravidanza indesiderata, dopo aver già assunto la pillola del giorno dopo, su corti periodi, chiedere il consulto del medico.

Pillola del giorno dopo a distanza ravvicinata

Se è sopraggiunto del vomito nelle tre ore successive all’assunzione di una delle due pillole prese, bisognerà porvi rimedio assumendo l’altra pillola del giorno dopo restante.

Ciclo mestruale e pillola del giorno dopo

Il ciclo mestruale dopo aver preso la pillola del giorno dopo può iniziare prima o dopo il periodo atteso (ossia le mestruazioni possono anticipare o ritardare). Anche la quantità di sangue può essere alterata, dando forma ad un ciclo più leggero o più abbondante del normale. Le successive mestruazioni sono solite apparire a distanza di sette giorni dalla data prevista. Se il ciclo tarda ad arrivare nelle tre settimane successive al giorno in cui si è assunta la pillola, è necessario chiedere il consulto del medico e accertarsi con un test di gravidanza, dell’eventuale stato interessante.

A volte può apparire una prima mestruazione qualche giorno dopo aver assunto la pillola. Questi cambiamenti mestruali variano in base al momento del ciclo in cui la pillola viene ingerita. D’altra parte, quando la pastiglia si assume in modo abituale, essa può alterare altri ormoni diversi da quelli implicati nel processo del ciclo ovulatorio e provocare, ad esempio, amenorrea, accrescimento dell’endometrio e compromissione del sistema osseo.

Efficacia della pillola del giorno dopo

Non solo l’efficacia della pillola del giorno dopo non è del 100%, ma essa diminuisce la sua azione man mano che passano le ore dal rapporto a rischio. In altre parole, se si assume la pillola dopo che sono passate 24ore, si ha una percentuale di azione della pilla del 95%, tra le 24 e le 48 la percentuale si riduce all’85%, mentre a partire dai due giorni e oltre si avrà un successo del 58%. È molto probabile che la pillola non abbia alcuna efficacia se la si assume nelle 72 ore dopo aver avuto un rapporto sessuale a rischio.

Se si è in fase di allattamento e si vuole assumere questo farmaco, è necessario consultare il medico, poiché potrebbe raggiungere il bambino attraverso il latte materno.

La pillola del giorno dopo fa male?

La pillola del giorno dopo non fa male e non presenta molte controindicazioni, ma si sconsiglia il suo utilizzo a donne che assumono già un anticontraccettivo orale e in caso di ipertensione grave o problemi vascolari. Inoltre, si tratta di un contraccettivo d'emergenza da usare solo in caso di estremo bisogno perché può avere diversi effetti collaterali.

Effetti collaterali a lungo termine

Le domande frequenti che vengono poste sull'argomento interessano prettamente gli effetti negativi della pillola del giorno dopo che, nella maggior parte dei casi, sono solo dei disturbi lievi. Un uso frequente e senza controllo della pillola del giorno dopo, però, può comportare problemi di salute.

Controindicazioni della pillola del giorno dopo

Ripercussioni sulla salute sono maggiori per quelle donne che l’assumono più di una volta al mese: disturbi cardiovascolari, trombosi venosa o alterazioni della coagulazione del sangue, embolia polmonare, ictus o infarto del miocardio.

Tra gli altri fattori di rischio, il tabagismo, l’obesità, il colesterolo alto, il diabete e antecedenti famigliari di problemi cardiovascolari o trombi. Per queste ragioni, queste donne hanno una maggiore probabilità di complicazioni all'assunzione di questa pillola, rispetto a quelle che non presentano fattori di rischio. A causa del suo alto tasso di progesterone non si raccomanda il suo utilizzo che solo in casi estremi.

Altre conseguenze della pillola di emergenza

Gli studi clinici hanno rilevato che tra gli altri effetti collaterali prodotti dalla pillola del giorno dopo possono provocare disturbi del sistema riproduttivo e della mammella e aumentare il rischio di gravidanze extrauterine. Questi effetti indesiderati si presentano soprattutto in donne obese, con problemi al fegato, ipercolesterolemia, diabete e malattie cardiovascolari.

La pillola del giorno dopo è una soluzione di emergenza. In quanto tale non dovrebbe essere assunta di frequente. Un metodo contraccettivo di emergenza definisce un sistema anticoncezionale che può essere utilizzato in caso in cui altri metodi falliscono (ad esempio in caso di rottura del preservativo o dopo un abuso sessuale).

Conclusioni

Quante volte al mese al massimo prendere la pillola del giorno dopo? E quante volte nella vita? A questi quesiti una cosa tipo non vi è una risposta precisa. La frequenza di utilizzo della pillola del giorno dopo varia da soggetto a soggetto e da caso a caso. ovviamente, in quanto contraccettivo di emergenza, essa deve essere limitata nel breve tempo possibile. Da evitare, infatti, la sua assunzione più di una volta al mese e per più mesi di fila. L'alto tasso ormonale in essa contenuto potrebbe causare danni all'organismo. Nel corso della sua vita, una donna può decidere di assumere la pillola del giorno dopo quante volte crede, optando per un anticoncezionale orale o altri metodi contraccettivi (preservativo, spirale, cerotto) se non desidera avere gravidanze.


Per maggiori informazioni leggi anche: Effetti collaterali della pillola del giorno dopo

Foto: © Martin Damen - 123RF.com