Brachicefalia: significato e rimedi

Fai una domanda
Il cranio dei neonati è una zona molto delicata e sensibile, pertanto è facile che si possa danneggiare o mal formare nei primi mesi di vita. La brachicefalia è tra i casi possibili.



Significato

Lla brachicefalia è un’anomalia del cranio tipica dei neonati che si caratterizza con un appiattimento del retro della scatola cranica (detta in gergo curva cranica) che lascia intravedere, dall’alto, una sagoma tendenzialmente trapezoidale.

Sindrome branchicefalia

Molto spesso una brachicefalia è causata da una posizione supina prolungata, nel lettino o nella culla, che schiaccia il retro della curva cranica provocando un appiattimento. Si ricorda che la posizione supina del neonato è consigliabile per ridurre i rischi di morte in culla. In tali casi si parla di brachicefalia posturale, mentre altre cause sono da ricondurre al periodo nell’utero materno o al momento del parto, quando il bambino attraversa il canale uterino (brachicefalia fetale). La craniosinostosi, fusione di suture coronali dell’osso frontale e parietale, che richiedono una chirurgia, al fine di eliminare il difetto di brachicefalia. Negli adulti, invece, la brachicefalia è spesso associata a difetti ossei o facciali, anche d’origine genetica.

Rimedi

Dopo attenta analisi da parte del medico, in tali casi un pediatra, sarà possibile sottoporre il soggetto ad esami, quali TAC o radiografia, atti ad escludere l’eventuale presenza di craniosinostosi, la quale, come già accennato, deve essere sottoposta ad un trattamento chirurgico. Nella maggior parte dei casi di brachicefalia è di lieve entità e tende a guarire da sola. Per evitare l’accentuarsi del difetto estetico della testa del bambino è possibile avere degli accorgimenti da apportare nella culla e nel lettino: giocattoli per portarlo a cambiare direzione della testa e modifica della sua posizione, magari, di lato, mentre dorme. Da sveglio optare per la fascia o il marsupio, invece della solita culletta o passeggino. Solitamente nell’arco dei due anni il difetto tende a scomparire completamente, mentre dopo i primi due mesi di vita, previ accorgimenti è già possibile vedere dei miglioramenti.


Foto: © hazyar - 123RF