Lingua gialla: cause e rimedi

Fai una domanda
Il colore della lingua è un segnale di disagi e patologie precise. La lingua è un organo molto vascolarizzato e innervato, quando la lingua è gialla indica uno stato di alterazione ben preciso.


Sintomo: lingua gialla

La lingua che esprime buona salute deve essere di colore roseo, ai bordi, e più chiara al centro, e non bianca deve essere umida e i suoi margini devono essere lisci. Deve inoltre potersi estroflettere e sollevare sul palato senza impacci. Come sintomo, una lingua gialla indica principalmente problemi al fegato o alla colecisti.

Cause della lingua gialla

Come appena visto l’assioma lingua gialla e fegato è il più frequente, e l’ittero in questo caso si allarga anche a occhi e pelle. Tuttavia questa condizione può anche essere dovuta ad una scarsa igiene orale, al tabagismo, alla disidratazione o ad una terapia antibiotica. Infine, la causa può essere ricondotta anche ad una infezione, che causa una patina giallastra, come la candida albicans. Anche lo stato di gravidanza può comportare questa colorazione del muscolo, mentre, tra le altre cause da ricordare anche i problemi gastrointestinali e l'abitudine a respirare con la bocca.

Lingua gialla e bocca amara

La sensazione di una bocca amara, unita ad una colorazione giallastra della lingua, può essere la spia di problemi al fegato, specie se il quadro si accompagna a ittero, congiuntivite e ad analisi del sangue che riscontrano un tasso di bilirubina e transaminasi alto.

Lingua gialla e alito cattivo

L’alitosi e la lingua gialla possono essere spia di una infezione. Essa può essere generata, come accennato in precedenza, da un virus, da problemi legati alle gengive o ai denti, dal' aver fatto un piercing alla lingua che ha scaturito una infezione in corso. In entrambi i casi, è bene informare il medico curante, che provvederà a alla diagnosi, sottoponendo il paziente ad analisi più approfondite a seconda dei casi.

Rimedi contro la lingua gialla

Nella maggior parte dei casi, il problema si risolve con una corretta igiene orale e assumendo un maggior quantitativo di fibre, bevendo molta acqua e alimentandosi in modo corretto, senza eccessi. L'utilizzo di un pulisci lingua può essere utile a togliere la patina formatasi sulla sua superficie, mentre l'evitare caffè, tè e tabacco può essere la soluzione efficace al disturbo. Se il problema persiste è fondamentale, dopo qualche giorno, chiedere il consulto del medico, il quale, dopo attente analisi, potrebbe provvedere ad eventuali prescrizioni di antibiotici, in caso di infezione, antiacidi o terapie specifici delle patologie che colpiscono il fegato.


Foto: © Gennadiy Poznyakov - 123RF