Il fumo in gravidanza: modifiche durevoli del DNA del bambino

Fai una domanda
Il fumo in gravidanza determina ripercussioni sulla futura mamma (falso parto, parto prematuro, aborto spontaneo, gravidanza extrauterina), ma anche sullo sviluppo del bambino. Ricercatori del Consorzio internazionale PACE (International Pregnancy and Childhood Epigenetics) hanno studiato gli effetti dell’alcol, del peso della madre o ancora dell’inquinamento dell’aria sul feto.


Modalità dello studio

In uno studio pubblicato nel marzo 2016 sulla rivista American Journal of Human Genetics, è stato evidenziato che le alterazioni del DNA del bambino la cui mamma fuma in gravidanza persistevano durante la crescita.
I ricercatori hanno identificato 6073 loci in cui il DNA è stato chimicamente modificato nei bambini di donne “fumatrici persistenti”.
Il 13% delle donne incinte studiate sono state classificate come “fumatrici persistenti” (quelle che avevano fumato ogni giorno durante la gravidanza) e i loro figli sono stati confrontati con bambini la cui mamma non era fumatrice. I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue di cordone ombelicale subito dopo la nascita del bambino per analizzare gli effetti del tabacco sul DNA.

Modifiche del DNA

Lo studio evidenzia che fumare in gravidanza modifica il DNA del feto, ma precisa che le modifiche constatate persistono nel bambino più grande.
Questi lavori effettuati su più di 6600 donne e i loro bambini evidenziano che le modifiche del DNA del feto sono identiche a quelle dei fumatori adulti.
Inoltre sono stati identificati nuovi geni come implicati nello sviluppo del bambino esposto al tabagismo della madre in gravidanza.

Patologie legate alla modifica del DNA

I ricercatori hanno dimostrato che il 50% dei geni modificati dal tabagismo sono legati a geni che intervengono nello sviluppo dei polmoni, del sistema nervoso, delle anomalie congenite come il “labbro leporino” o nei cancri legati al tabagismo.

Gravidanza: pensare a smettere di fumare

Una donna incinta può sempre smettere di fumare durante la gravidanza per ridurre i rischi per la sua salute e quella del bambino. Si può prospettare d’accordo col medico curante la prescrizione di sostituti nicotinici.

FOTO:© Daniel Kaesler/123RF