Herpes simplex 1

Fai una domanda
Il virus dell’herpes simplex si distingue in due tipologie differenti: il tipo 1 o HSV1, molto diffuso e che corrisponde all’herpes boccale, e l’herpes di tipo 2 o HSV2 in prevalenza localizzato sui genitali (a livello del collo dell’utero, della vulva, dell’uretra, del pene, dell’ano e anche della bocca).



Definizione

Come altri tipi di virus, l’herpes simplex 1 si trasmette tra gli esseri umani al contatto tra due mucose o tra pelle e mucosa. Una volta penetrato nell’organismo, il virus è molto fragile e solo dopo la prima infezione, esso riesce a rimanere latente nell’organismo e può, all’occasione di un’infezione, stress o altra, riapparire sotto altre forme.

Sintomi

La prima infezione da herpes simplex 1 passa solitamente inosservata. Essa colpisce di frequente i bambini piccoli e si manifesta spesso con febbre, dolori e disturbi alimentari, poi appaiono puntini grigiastri su sfondo rosso con un rivestimento biancastro sulle gengive o all’interno della bocca; viene chiamata gengivostomatite erpetica. Alitosi, disturbi alimentari e altre forme cutanee che colpiscono l’occhio con puntini sulle palpebre o anche forme di angina. Successivamente il virus risulterà latente nell’organismo e potrà riapparire sotto forma di herpes labiale, herpes nasale, stomatite erpetica. L’herpes non risulta grave in soggetti che risultano avere un ottimo stato di salute, ma può risultare problematico in caso di patologie autoimmuni, neonati contagiati da trasmissione materna con forme neurologiche e generalizzate.

Diagnosi

La diagnosi è solitamente determinata da un esame clinico mirato a definire per prima cosa il tipo di herpes ed eventuale causa di contagio e poi procedendo ad esami in laboratorio più precisi che possano in qualche modo confermare la diagnosi per poi procedere somministrando al paziente la terapia più adatta al suo caso (ricordiamo che in caso di soggetti a rischio si dovrà procedere con cautela). Le analisi a conferma della diagnosi consentono di ricorrere ad una coltura del virus su un campione sierologico o su un prelievo di sangue.

Trattamento

Nessuna terapia medica consente di eliminare in definitiva il virus dell’herpes simplex di tipo 1 dal corpo, ma esistono delle terapie atte a diminuire i sintomi e ad alleviare i dolori in un contesto infettico, come è il caso di Aciclovir. In alcune occasione per i soggetti sani non è previsto alcun trattamento, e lesioni, infatti, tendono a scomparire spontaneamente. Come atto preventivo si consiglia di evitare il contatto intimo con gente infetta.