0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Morso di cane: cosa fare

Più di una famiglia su quattro ha un cane in casa ed i morsi sono dunque frequenti, ma nella maggior parte dei casi non si tratta di nulla di grave. Il punto del Dottor Daniel Gloaguen, medico generico e di pronto soccorso.


I morsi più gravi

I morsi di cane vanno da una piccola abrasione fino all’amputazione di un dito o di una guancia in un bambino. 
La mascella di un cane, di qualsiasi razza, è dotata di una forza di bloccaggio molto forte. La gravità di un tale morso dipende da numerosi elementi tra cui la profondità della ferita, lo smembramento della pelle, ma anche della zona colpita. Il viso, le mani e l’apparato genitale maschile costituiscono delle zone molto vulnerabili.

Rischio d’infezione

Il rischio di infezione non può essere trascurato (è circa del 20 % se la ferita non viene disinfettata) La bocca della cane contiene ogni sorta di germe, tra cui tetano e rabbia. La maggior parte di questi germi si moltiplica in assenza di ossigeno, come nel caso di una ferita chiusa con dei fili di sutura, il che fa risultare quest’ultima non sempre effettuabile. Tuttavia, vi si ricorre quando si tratta di una ferita che data meno di sei ore, facciale o molto espansa, e/o in caso di rischio antiestetico. 
Un trattamento antibiotico è somministrato in caso di morso importante, che data più di sei ore, in zone sensibile, o di norma nei bambini.

Consigli utili

In caso di morso di cane i buoni riflessi da mettere in atto sono: per prima casa pulire la ferita con del sapone e abbondante acqua fredda e disinfettarla con un antisettico, ciò fatto, prima di recarsi da un medico, coprire la zona interessata con un garza sterile o, in mancanza, con un panno proprio. In seguito lasciare la ferita scoperta.
È importante verificare lo stato del vaccino contro il tetano della persona che ha ricevuto il morso e del vaccino contro la rabbia per il cane. I segni della rabbia si manifestano tra i 20 e i 60 giorni dopo il morso dell’animale rabbioso o di un graffio se vi è penetrata la saliva. 
Nel caso in cui si tratti di un’aggressione fatta da un cane sconosciuto o randagio segnalare il caso alle autorità. Infine consultate sempre un medico, qualunque sia l’importanza del morso, se si tratta di un bambino.

FOTO:© Eric Isselee/123RF
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo