Freddo in arrivo: come e perché proteggersi

Il freddo è in arrivo ed è importante prestare attenzione non solo a coprirsi, ma anche ad evitare comportamenti che mettano a rischio la salute, a causa delle basse temperature.

Freddo, basse temperature e salute: evitare problemi nella stagione invernale è importante.


Il freddo è in arrivo. Basse temperature e vento sono non solo le cause di influenza e sindromi affini, ma dell'acuirsi dei sintomi legati ad una serie di malattie croniche dell’apparato respiratorio, cardiovascolare e muscoloscheletrico. Ecco quello che c'è da sapere per evitare problemi connessi alle infreddature.

Freddo in arrivo: i rischi

I rischi del freddo sono, in primis, gli stati influenzali e parainfluenzali. Ad dover essere tenuti sotto controllo sono però soprattutto i pazienti che hanno avuto una serie di disturbi o malattie precise: ictus, angina, infarto miocardico per aumento della pressione arteriosa e vasocostrizione. In generale, poi, bisogna prestare attenzione alle persone con malattie cardiovascolari e con diabete, o altri disordini endocrini. Questo perché il freddo può aggravare la patologia o acuire alcuni sintomi, perché cambia il sistema di termoregolazione del nostro corpo. Questo fa sì, tra le varie cose, che la pressione arteriosa salga a livelli pericolosi ad esempio nei soggetti ipertesi.

Persone vulnerabili con il freddo in arrivo

Bambini, anziani, persone che vivono all'aperto o senza fissa dimora sono ovviamente quelle cui prestare maggiore attenzione e cure. Ci sono poi, come appena spiegato, i cardiopatici, diabetici, le persone con patologie respiratorie croniche, ma anche psichiatriche o che assumono psicofarmaci, sempre per via del cambiamento che avviene all'interno del nostro corpo, specie se si esce al freddo senza le opportune precauzioni.

La temperatura in casa

Prima regola, la temperatura degli ambienti dovrebbe essere tra i 18  e i 22°C, per evitare eccessivi sbalzi con l'esterno. L'aria non deve essere troppo secca per non irritare le vie aeree, soprattutto se in casa qualcuno soffre di asma o malattie respiratorie. In tal caso è sempre bene munirsi di un umidificatore o di una vaschetta di acqua sul termosifone. Al contrario, mai stare in ambienti troppo umidi né poco areati. Un controllo di caminetti, caldaie o stufette è sempre una buona abitudine per evitare qualsiasi rischio di intossicazione. Se si sente freddo, bere e mangiare alimenti caldi, evitando alcolici perché anche se danno una sensazione di tepore immediata, favoriscono una maggiore dispersione del calore del corpo.

Freddo in arrivo: come proteggersi all'aperto

Sciarpa, guanti, cappello e cappotto sono la base per tenere caldo il corpo e le zone esposte ai rischi del freddo, infreddature e geloni, cioè una irritazione cutanea molto dolorosa dovuta a intenso gelo e umidità. Se la zona in cui ci si trova lo richiede, meglio munirsi di scarpe antiscivolo, e in viaggio non dimenticare mai, se ci si reca in montagna o zone molto fredde, di portare per ogni evenienza con sé delle coperte e delle bevande calde, oltre che viaggiare con catene o pneumatici da neve.

Attorno a noi

Una buona abitudine è quella di restare in contatto con anziani o persone che vivono sole, per controllare che non abbiano problemi, che la casa sia ben riscaldata e che non necessitino aiuto. Importante anche segnalare persone in difficoltà o senzatetto, perché non avvengano tragedie dovute all'abbandono e alla disattenzione.

Influenza

Il picco influenzale è già iniziato ma è bene, se non lo si è già fatto, sentire il parere del medico sul vaccino influenzale (raccomandato per gli over-65 anni, soggetti affetti da malattie croniche e donne nel secondo o terzo trimestre di gravidanza). Sono numerosi i trattamenti che si possono fare a casa quando si prende l'influenza: antidolorifici, tanta acqua e tisane, una alimentazione leggera sono sufficienti ma se non bastasse meglio sentire il medico di famiglia, per evitare complicazioni come bronchiti o polmoniti.

Copyright foto: Fotolia

Il documento intitolato « Freddo in arrivo: come e perché proteggersi » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.