Feticismo: significato, sessualità e tipologie

Fai una domanda
Un oggetto, un'azione o una parte del corpo: il feticismo nella sessualità si traduce nell'erotismo scatenato da un dettaglio. Ecco tutto quello che c'è da sapere.
Il feticismo dei piedi è uno dei più frequenti nella sessualità. © Inara Prusakova/123RF


Significato di feticismo

Feticismo, ovvero l'adorazione di un feticcio, cioè di un oggetto o di una parte del corpo, di un'azione o perfino di una fantasia che, nel gioco sessuale, diventa erotico. Proprio di qualsiasi essere umano - ciascuno, nel proprio immaginario, è sensibile a una parte del corpo o a pratiche particolari - in alcuni soggetti si trasforma in vera e propria parafilia, tanto che il feticcio arriva a rimpiazzare il coito, o meglio, senza il feticcio, non si raggiunge l'orgasmo.


Feticismo e sessualità

Il primo ad applicare il concetto di feticismo alla sessualità è lo psicologo e ipnotista francese Alfred Binet che, nel 1880, classificò i feticismi come "amore spirituale" o "amore plastico" riferendosi a quegli individui in grado di eccitarsi semplicemente vedendo o toccando un oggetto o trovandosi in una situazione particolare. In particolare, i feticismi sono definiti dal senso che scatena l'eccitazione: la vista anzitutto -  dal feticismo dei piedi, una delle forme più diffuse, al pissing, la pioggia dorata che scatena i sensi alla vista del partner che orina, decisamente più estrema - e poi olfatto gusto e tatto che, in misure differenti, contribuiscono a dare il via alla libido.


Feticismo dei piedi

Nello specifico, quando l'oggetto che scatena l'eccitazione è una parte del corpo si parla di "parzialismo". Sebbene, soprattutto per gli uomini i piedi e le scarpe con i tacchi alti, siano considerati molto erotici - al punto che leccare i piedi è una delle fantasie più diffuse -, anche le natiche, le mani, i seni, le gambe, l'ombelico, il naso possono accendere il desiderio.


Feticisti: passioni particolari

Nella categoria dei feticci, rientrano poi la biancheria intima, gli indumenti di pelle animale o pelliccia (in questo caso si parla di dorafilia) ma anche alcune caratteristiche fisiche particolari, tipo lo stato di gravidanza o il sovrappeso. Infine, non potevano mancare i feticci immaginari, per esempio nel caso della macrofilia (eccitarsi all'idea di fare sesso con persone giganti) o della vorarefilia (l'idea di essere mangiati), oppure tradursi in un atto pratico. Insomma, tutto può trasformarsi in un feticcio, basta esserne consapevoli.