0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Come trasformare un colpo di fulmine in una storia d'amore?

I primi momenti di una relazione sono pieni di passione. Come trasformare un flirt in una storia d'amore duratura, senza rinunciare alla magia dei primi giorni? 

La passione dei primi giorni è intensa, e spesso si tende a idealizzare il partner.

Non idealizzate il partner

I primi giorni, è tutto perfetto: lui è più bello di Brad Pitt, più educato di un principe, più intelligente di un Premio Nobel... col passare del tempo, cominciate a notare i suoi difetti. La barba che trovavate tanto sexy è diventata un segno di trascuratezza. Il disordine che regna in casa sua non è più l'espressione della sua creatività, ma un caos infernale...
Ora che siete scese dalla vostra nuvoletta, non spaventatevi: la realtà può essere bella quanto il sogno. Anzi, nel sogno si corre un rischio: idealizzare l'altro, attribuendogli delle qualità che non ha e sentendovi inferiori a lui. Il vostro partner è una persona normale, come voi del resto. Detto questo, fa sempre piacere abbandonarsi alla magia dei primi istanti, quando ogni incontro è speciale, quando si sentono le farfalle nello stomaco ad ogni sguardo...

Restate voi stesse

A volte è difficile essere se stessi quando si è in coppia. Ma chiedete al vostro partner: forse vi ama proprio per le vostre eccentricità. Per esempio, vi sareste conosciuti se non vi foste messe a ballare sul tavolo in un bar? Forse no... l'originalità è un elemento fondamentale della nostra personalità, e non bisogna rinunciarvi!
Volete andare a vivere insieme? Sappiate che non sarete obbligati a fare tutto insieme, e che non dovrete essere sempre d'accordo. Bisogna sapersi ascoltare e scendere a compromessi: lui vuole appendere in soggiorno un poster del suo film preferito? Voi non rinuncerete ai vostri cuscini a forma di gatto per il divano! Lui è un appassionato di rafting? Provate ad accompagnarlo almeno una volta, per condividere la sua passione con lui. Dopodiché, se proprio a voi non piace, potrà andarci da solo. Voi ne approfitterete per vedere i vostri amici.

Non soffocatevi 

Avete la testa tra le nuvole, vi sentite più leggere tanto da poter volare, sorridete ogni volta che sentite il suo nome... attenzione però: l'amore non deve trasformarsi in ossessione. Il partner deve avere i suoi spazi. Non si può pretendere di passare tutto il tempo insieme, ne di inviargli decine di messaggi quando è fuori con gli amici.
Un altro motivo di rottura frequente: il confronto. Evitate di paragonare il vostro partner ai vostri ex. Vi farebbe piacere se lui facesse lo stesso?
Infine, non fategli delle critiche al minimo “errore” (ha lasciato il dentifricio senza tappo, non ha messo le calze da lavare...). Le vostre osservazioni devono essere motivate, non troppo frequenti, e mai offensive. 

Imparate a conoscervi 

Da quando vi siete conosciuti, ogni conversazione è appassionata e appassionante, vi permette di conoscervi e di trovare ancora e ancora dei punti in comune che non conoscevate. Quando si sta insieme da un po' o si vive insieme, si può avere l'impressione di non avere più niente da scoprire. È normale che sappiate molte più cose sul vostro partner rispetto al primo giorno... e proprio per questo potete condividerne ancora di più!
Si continua ancora a conoscersi, ma in un altro modo: vi troverete costantemente di fronte a delle nuove situazioni, che riveleranno delle nuove sfaccettature dell'altro. Senza contare che nel tempo si cambia, e ci saranno sempre nuove cose da scoprire. E poi, è difficile che riusciate a conoscere l'altro al 100%. Un po' di mistero ci sarà sempre...

Sconfiggete la routine

La vita insieme è a doppio taglio: si passa più tempo a due, ma la quotidianità può trasformarsi in routine. Non c'è più bisogno di sapere se l'altro è disponibile per vedersi, per organizzare le serate a due, finiti gli SMS complici la sera prima di andare a dormire... e comunque, la monotonia può insinuarsi nella vita di coppia anche quando ognuno vive per conto suo. 
Non spaventatevi: è normale che le giornate diventino più ripetitive, che s'installino dei rituali. Ma è importante che il vostro rapporto resti dinamico. Anche se abitate insieme, non dovete passare le vostre serate sempre in coppia. Invitate degli amici a cena, oppure uscite separatamente. Quando siete soli, non andate sempre nello stesso ristorante: regalatevi un concerto, un cinema, un week-end fuori porta... anche il vostro atteggiamento e delle piccole attenzioni quotidiane (un regalo, una serata a sorpresa...) possono fare la differenza. 

Copyright foto: Istock
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo