Tendinite polso: sintomi e rimedi

Fai una domanda
La tendinite del polso corrisponde ad un’infiammazione dei tendini localizzati tra la mano e l’avanbraccio. Ecco le cause possibili, la sua diagnosi e le cura adottate.


Sintomi

Il dolore al polso è il sintomo principale di una tendinit. Esso può compromettere il corretto movimento o la palpazione del tendine. Il dolore risulta esser e più o meno forte a seconda del tipo d’infiammazione in corso. Si può osservare anche una perdita di forza nella mano e un rigonfiamento dell’articolazione, formicolio e intorpidimento.

Cause

La tendinite del polso può essere causata da movimenti ripetitivi o inusuali del polso stesso, spesso sottoposto a sforzo eccessivo, a seguito di una feriti o di uno shock. Essa è ricorrente negli sportivi, come noto nei giocatori di tennis o per quei professionisti che necessitano svolgere una ripetizione dei movimenti manuali. Anche l’usura del tendine, come per le persone anziane, può essere all’origine della tendinite. In altri casi, la tendinite del polso può essere conseguenza di una malattia infettiva o di una distorsione.

Tendinite di Quervain

La tendinite di Quervain è provocata dalla ripetizione di gesti delle dita delle mani e delle braccia alla quale ne consegue un’infiammazione e dolore al polso e pollice. Essa colpisce in particolar modo i cassieri, i musicisti, i segretari, i pittori e tuttofare.

Diagnosi

La tendinite di Quervain può essere diagnosticata tramite il test di Finkelstein. Il medico chiederà al paziente di posizionare il suo pollice in flessione sul palmo della sua mano e di muovere il polso in tutte le direzioni. La diagnosi della tendinite è positiva se durante questi movimenti appaiono dei dolori al di sotto del polso e dietro il pollice. A questo si possono aggiungere esami complementari come un’ecografia o una RMN o analisi del sangue atti a determinare l’esistenza di un’altra infezione.

Cura

Una tendinite al polso è nella maggior parte dei casi alleviata grazie al riposo del polso affetto e all’arresto dei movimenti ripetitivi che portano dolore. Un trattamento farmacologico a base di anti infiammatori è spesso descritto in aggiunta all’indossare una stecca che fermi il polso e a massaggi o a iniezioni di corticosteroidi per i casi di tendinite cronica. In extremis, in quei casi in cui il trattamento fallisce e vi siano traccia di recidive dolore, viene anche raccomandata la chirurgia. Si raccomanda in ogni caso di trattare la tendinite del polso per evitare lo strappo dei tendini.