Paracetamolo: posologia ed effetti collaterali

Fai una domanda
Il paracetamolo è un farmaco analgesico e antipiretico indicato per la cura sintomatica di qualunque tipo di dolore moderato. Negli adulti è ricorrente la somministrazione di questo farmaco per dolori post operatori, dolori reumatici, lombalgia, sciatalgie, torcicollo, nevralgie, mal di schiena, dolori muscolari, crampi mestruali, mal di denti e mal di testa di moderata intensità.



Tempo di azione del paracetamolo

Questo farmaco ha un periodo d’assorbimento che va dai 30 ai 60 minuti, a seconda del dosaggio assunto e della personale reazione a farmaci di questo tipo.

Effetti collaterali del paracetamolo

Da non assumere per quei soggetti che presentano gravi malattie al fegato o soggetti allergici al principio attivo del paracetamolo. Anche in caso di problemi ai reni, problemi di alcolismo, malnutrizione o cattiva idratazione è bene consultare il medico prima di assumere questo medicinale.

Paracetamolo in gravidanza e allattamento

Il farmaco può essere assunto durante la gravidanza e l’allattamento, ma bisogna attenersi alle dosi prescritte.

Dosaggio paracetamolo

Le dosi di paracetamolo in commercio sono da 500 mg, 600 g o 1000mg, da somministrare ad adulti o bambini in proporzione al loro peso. Esistono farmaci con paracetamolo in compresse, supposte, bustine e compresse effervescenti, sciroppo. Per un adulto la dose massima è 2 compresse al giorno da 500 mg, in caso di dolore molto forte, altrimenti 1 compressa al giorno risulta sufficiente.


Attenzione: non somministrare una dose maggiore se non previo consulto del medico onde evitare situazioni di overdose associata ad altri farmaci analgesici assunti durante una cura.

Foto: © Giftxel - shutterstock.com