Congiuntivite: sintomi e rimedi

Fai una domanda
La congiuntivite è un’infiammazione della congiuntiva, membrana che riveste la facciata interna delle pupille e dei globi oculari.


La congiuntivite

La congiuntivite corrisponde ad un’infiammazione o un’irritazione della congiuntiva, membrana dell'occhio che ricopre il bianco dell’occhio e la parte bassa delle pupille. La sua origine può essere virale, batterica, allergica o traumatica. Questo disturbo si manifesta con rossore di uno o entrambi gli occhi unito a prurito, bruciore, perdite chiare o purulente ed, in alcuni casi, gonfiore oculare.

Sintomi

In caso di congiuntivite gli occhi sono rossi e lacrimanti. La sensazione di bruciore è persistente ed è accompagnata da prurito e da secrezioni che, soprattuto al mattino appena svegli, non permettono la regolare apertura dell’occhio.

Cause e trattamenti

Come citato, la congiuntivite può essere associata a diverse cause. Essa può essere d’origine infettiva, batterica, virale, allergica o essere la conseguenza di un trauma. Per conoscere le cause scatenanti della congiuntivite è necessario rivolgersi ad un oftalmologo.

Congiuntivite batterica

La congiuntivite batterica può essere causata da batteri appartenenti alla famiglia dello stafilococco, streptococco o pneumococco. In caso di congiuntiviti di questo tipo l’istallazione regolare su più giorni di un collirio antibiotico prescritto dal medico permette di far sparire rapidamente questo disturbo.

Congiuntivite virale

La congiuntivite virale può essere causata da diversi tipi di virus: herpes, morbillo o varicella. Nel caso di questo specifico disturbo l’oftalmologo prescriverà un collirio antisettico da somministrare più volte al giorno per diversi giorni.

Congiuntivite traumatica

Il contatto con sostanze tossiche o un corpo estraneo che penetra all’interno dell’occhio possono provocare una congiuntivite. In questo caso, siccome la causa è un corpo esterno rivolgersi immediatamente ad un medico specializzato per far rimuovere l’agente esterno.

===Congiuntivite allergica==
La congiuntivite allergica è provocata da allergeni. Questi possono essere saliva o urina di gatto, acari, pollini, muffe o lattice. Anche i prodotti utilizzati per pulire le lenti a contatto possono essere causa di allergia. Solo un bilancio allergologico permette di ritrovare l’allergene che scatena la congiuntivite.

La congiuntivite allergica è generalmente accompagnata da rinite, ma può anche presentarsi in maniera isolata. È caratterizzata da occhio rossi, bruciore, prurito e frequente lacrimazione. Il trattamento è a base di collirio con cortisone.

Collirio per congiuntivite allergica

Oltre ad una pulizia regolare dell’occhio con siero fisiologico che, nel caso della congiuntivite allergica, può essere integrata con un antistaminico orale, i medici possono prescrivere un collirio per contrastare la congiuntivite.

I colliri anti H1 (a base di antistaminici) sono consigliati in caso di contatto intermittente con l’allergene che causa la congiuntivite. Questi agiscono rapidamente (in 30 minuti) e si somministrano 2 volte al giorno.

Per prevenire la congiuntivite allergica si suole prescrivere degli antidegranulanti mastocitari da somministrare durante più settimane o addirittura mesi.