Idrosadenite Suppurativa

Fai una domanda
Si tratta di una patologia rara chiamata anche Acne Inversa o malattia di Verneuil, una malattia cronica delle ghiandole sudoripare apocrine, che si manifesta principalmente a livello ascellare, inguinale e anale.


Cos’è

La malattia parte con l’occlusione dei pori delle regioni interessate, con infezioni batteriche secondarie in grado di evolversi in ascessi. Si evolve poi spesso cronicizzandosi e presentando formazioni ulcerose e fistole.

Sintomi

I sintomi della idrosadenite suppurativa fanno la loro comparsa dopo la pubertà, e di solito tra i 20 e i 30 anni. Sono più soggette le donne. Si presenta con una infiammazione di diverse aree cutanee, con noduli, lesioni, ascessi, fistole e cicatrici, spesso dolorose. Si parla in particolare di idrosadenite suppurativa perianale o inguinale perché sintomi dell'idrosadenite suppurativa si manifestano soprattutto nei cavi ascellari, nella regione inguinale e dei glutei, con zone infiammate lì dove si trovano numerose ghiandole sebacee e sudoripare, quindi anche natiche e interno coscia.

Cause

Le cause esatte della idrosadenite suppurativa non sono ancora note, ma si ipotizza un ruolo del sistema immunitario, ma anche specifiche alterazioni della struttura del follicolo pilifero oltre che eventuali lesioni della pelle unite all’ostruzione di follicoli piliferi.

Cure

Le cure per l’idrosadenite suppurativa variano molto in base allo stadio della malattia. A seconda dei sintomi, lo specialista potrebbe prescrivere antibiotici, estrogeni e anti-androgeni, retinoidi. In altri casi si rendono necessarie incisioni chirurgiche con drenaggio, o la rimozione dei noduli . Se però la malattia viene trattata quando lo stato è ormai la soluzione potrebbe essere solo l’escissione totale delle lesioni e delle ghiandole apocrine.

Cure naturali

Non esistono cure naturali scientificamente provate e in questo caso il fai-da-te può essere molto pericoloso. Non è purtroppo valida neppure una dieta specifica per i pazienti, perché non è ancora stata dimostrata alcuna correlazione fra l’alimentazione e la malattia, ma le terapie e gli antibiotici di certo mettono a dura prova l’apparato gastrointestinale, quindi solitamente si consiglia un corretto apporto di acqua, frutta e verdura, cereali integrali, limitando invece zucchero e sale: buone abitudini che in linea generale giovano sempre alla pelle.

Foto: © Pongsak Tawansaeng - 123RF

Potrebbe anche interessarti