Perdite marroni: definizione e cause

Le perdite marroni prima del ciclo dalle vie genitali femminili indicano l’espulsione di sangue vecchio. Le perdite marroni ad inizio gravidanza sono frequenti, ma oltre il primo trimestre, possono segnalare un regolamento transitorio del ciclo o una patologia di base.


Metrorragia o menorragia

Le perdite marroni designano un sanguinamento proveniente dalla vagina o dal collo dell'utero. Il loro aspetto scuro è dovuto al fatto che si tratta di sangue espulso in ritardo. Tra i vari tipi di perdite ematiche marroni si distingue: la menorragia, perdite marroncine prolungate e abbondanti, che appaiono ad intervalli regolari, dalla metrorragia, tipo di emorragia uterina irregolare, frequente ma poco abbondante spotting marrone.

Perdite marroni in gravidanza

Queste perdite sono variabili nel primo trimestre di gravidanza e tendono ad allarmare la gestante in quanto possono costituire i primi sintomi di una minaccia d’aborto. Da tenere sotto controllo, ma senza allarmismi, sono generate molto spesso dalla rottura di qualche capillare o possono essere definite perdite da impianto di gravidanza.

Perdite marroni cause

Al di fuori dalla gravidanza, la presenza di perdite dal colore scuro può avere diverse cause. Tra queste le perdite marroni legate all'assunzione della pillola contraccettiva. Questo tipo di sanguinamento può essere causato da uno squilibrio ormonale legato all'assunzione di contraccettivi orali, in caso ci si dimentichi della pillola o la si assuma in modo irregolare o, molto spesso, ad inizio trattamento.

Cisti ovarica

Le cisti sono delle formazioni, tipo grumi, che si formano al livello del tessuto ovarico. La loro presenza può comportare, oltre che a un dolore sito a livello addominale, anche delle perdite di sangue, fuori dal ciclo mestruale.

Perdite marroni in menopausa

Un sanguinamento di questo genere può verificarsi in assenza di malattie soggiacenti, ma può anche essere indici della presenza di polipi o di altro.

Polipo o fibroma uterino

Il sanguinamento può essere causato dall’accrescimento di un fibroma uterino o dallo sviluppo di polipi uterini, che sono dei tumori benigni relativamente frequenti e che colpiscono la mucosa uterina (endometrio).

Cancro al collo dell’utero

Spesso asintomatico (per esempio durante un esame ginecologico), il cancro della cervice può essere diagnosticato tramite esami clinici, tra cui il Pap Test. Piccole perdite verificatesi tra le mestruazioni o dopo la menopausa potrebbero essere un’avvisaglia da tenere sotto controllo.

Altre cause possibili

Tra le altre cause d esclusione della gravidanza, ad esclusione della gravidanza, che posso manifestare perdite marroni si possono segnalare: il ritorno delle mestruazioni post parto, delle infezioni in corso o perdite post operazione.

Diagnosi e cura

In caso di perdite scure o perdite marroncine soventi, strane, di cui non si conosce l’origine, è bene consultare il proprio ginecologo che provvederà ad effettuare una diagnosi completa ed eventualmente sottoporre il paziente ad esami e test specifici.


Foto: © Thanapun - Shutterstock.com
L'articolo originale è stato scritto da p.horde. Tradotto da MarziaChiriatti. Ultimo aggiornamento 30 giugno 2017 alle 11:33 da ClaudiaScarciolla.
Il documento intitolato «Perdite marroni: definizione e cause» dal sito Magazine Delle Donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.