0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Ketoconazolo: indicazioni, posologia ed effetti collaterali

Il ketoconazolo è una sostanza antimicotica mirata a combattere la proliferazione di funghi che tendono a svilupparsi a livello cutaneo.


Utilizzo

Il ketoconazolo è utilizzato per eliminare un grande numero di funghi, di diverso tipo quali: blastomiceti, candida, coccidi, criptococco, elmintosporiosi (d rechslera longirostrata), epidermophyton, geotrichums, histoplasma, paracoccidioidomicosi, malessezia (pityrosporum), candida glabrata (torulopsis).
Inoltre il ketoconazolo serve a trattare la maggior parte degli agenti micotici sotto cutanei: basidiobolus ranarum, fonsecaea pedrosoi, hendersonula toruloidea, madurella e petriellidium boydii e per i trattamenti di dermatite seborroica e tinea versicolor.

Proprietà

Trattasi di un antifungino a largo spettro. In caso di dubbi, un rapido studio in vitro dei funghi permetterà di determinare la specie di fungo di cui è affetto il paziente.

Effetti indesiderati

Il ketoconazolo è una sostanza suscettibile di provocare effetti indesiderati. Gli effetti più ricorrenti, anche se lungi dall’essere sistematici, è quello delle reazioni allergiche (che si traducono con bruciore locale, sensazione di secchezza a livello della pelle e pizzicore). Raramente è possibile osservare una caduta dei capelli e una modifica della loro consistenza (essi tendono a diventare più grassi o secchi e fragili), spesso per colore che hanno dei capelli grigi o tinti.

Farmaci a base di ketoconazolo

Il ketoconazolo si trova in commercio sotto forma di crema, shampoo, lozione e compresse. Molti i farmaci che lo contengono, tra questi ricordiamo Nizoral ®, Fidaket®, Asquam®, Triatop®, ecc. L’elenco non è esaustivo, per eventuali informazioni inerenti ai farmaci contenenti questo principio attivo rivolgersi al proprio medico o al farmacista. Si ricorda tuttavia che l'agenzia europea dei medicinali (EMA) ha sancito la sospensione dei medicinali a base di ketoconazolo che si prendono per via orale, dopo aver riscontrato alti rischi di provocare lesioni epatiche, superiori ai benefici attesi dalla somministrazione del farmaco.
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo