Tigna: sintomi e cura

Fai una domanda
La tigna è una malattia contagiosa che colpisce colpisce il cuoio capelluto ed è ricorrente, in prevalenza, nei bambini. Fa parte delle patologie inerente il derma, ossia la pelle, ed è causata da funghi parassiti.


Cause

La contaminazione da tigna avviene tramite dei funghi microscopici o mitotici che fanno parte di quelle patologie definite dermofitosi (infezione micotica della cute).

Dermatofiti: cosa sono

Un dermatofita è un fungo parassita, all’origine dell’infezione dermatologica, che colpisce i capelli, le unghie e la pelle. I dermatofiti assorbono la cheratina presente in quest’ultimi e vengono trasmessi sia tramite contatto con oggetti contaminati che in luoghi umidi, come la biancheria o la sabia, o per il contatto di animali portatori del fungo. In particolar modo, i gatti sono spesso vettori delle spore del dermatofita. Essa provoca delle placche cutanee secche e la perdita di capelli o dei peli sulla zona contaminata.

Sintomi

La tigna si caratterizza con la perdita progressiva del capello e l’apparizione di placche di colore giallastro o rossastro con desquamazione (la pelle che si toglie) a livello del cuoio capelluto. Queste placche sono sormontate da croste e il capello diventa molto fragile. Si distinguono diversi tipi di tigna a seconda del fungo chiamato in causa: tinea pedis (tigna del piede), tinea capitis (del cuoio capelluto), tinea cruris (della regione inguinale), e l'onicomicosi (tinea unguium, delle unghie). Essenzialmente esse sono provocate dalle famiglie dei funghi trichophyton e del microsporum.

Come si cura la tigna

Una molecola antifungina permette di sbarazzarsi del fungo in questione e di rinvigorire la cute colpita. Essa è presente sotto forma di shampoo da applicare sul cuoio capelluto.


Foto: © Kateryna Kon- 123RF