Allergia al gatto: come si manifesta

I gatti sono responsabili dei due terzi delle allergie che interessano gli animali di compagnia. Per queste ragioni è meglio evitare di adottarne uno se si sa già di esserne allergici.


Cause

L’allergia al gatto, e nella maggior parte degli animali, non è causata dal pelo, corto o lungo che sia, ma dalle loro urine, dalla saliva e dalle secrezioni delle ghiandole sebacee. Leccandosi, essi depositano gli allergeni sul loro pelo, il che causa una reazione allergica nelle persone che li toccano o che vi si avvicinano. Gli allergeni si accumulano sul pavimento, moquette, tappeti, tessuti, vestiti, ecc. Si può diventare allergici agli animali dopo qualche mese, o anche uno o due anni dopo averli lasciati sul posto.

Sintomi

Gli allergeni del gatto rappresentano una delle cause più importanti di allergia respiratoria. I sintomi provocati sono asma e /o rinite. A volte si possono osservare congiuntivite, eczema, urticaria. La sensibilizzazione al contatto o alla presenza di un gatto predisporrà il soggetto a crisi d’asma.

Allontanarsi dal gatto

Il mezzo di prevenzione più facile è quello di evitare di avere gatti in casa e, se già presenti, di allontanarli. Cosa molto discutibile se si prende in considerazione l’impatto psicologico di questa separazione, soprattutto per i bambini (e non solo…).

Peculiarità dell’allergia al gatto

Essere allergici al gatto non ha affatto a che fare con la sua razza, né dimensione, né colore o anche lunghezza del pelo (queste sono variabili utili per ogni animale a cui si è allergici). Una persona allergica ad un animale, come il gatto, ad esempio, potrà manifestare i sintomi allergici senza aver avuto alcun contatto con l’animale, a semplicemente avvicinandosi ad una persona che ha dei peli sui suoi vestiti.
I primi sintomi possono essere osservati dopo mesi, a volte anni, dal primo contatto con il gatto. Molte persone che manifestano sintomi allergici, dopo che vivono o che hanno vissuto per anni con gatti, difficilmente ammettono che può esserne il responsabile. Per essere sicuri di avere un’allergia al gatto si consiglia di fare i test allergici, consultando il proprio medico.

Foto: © Ermolaev Alexander - Shutterstock.com
L'articolo originale è stato scritto da p.horde. Tradotto da ClaudiaScarciolla. Ultimo aggiornamento 11 giugno 2018 alle 22:53 da AnnaBellini.
Il documento intitolato «Allergia al gatto: come si manifesta» dal sito Magazine Delle Donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.