1
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Glicemia a digiuno: valori normai e alterati

Il monitoraggio del dosaggio dello zucchero nel sangue è chiamato glicemia, esso permette di curare, diagnosticare o sorvegliare il diabete. Il taso di zucchero di sangue a digiuno non è dato dal cibo consumato dopo un pasto, magari dalla sera precedente, ma è dato dalla liberazione dello zucchero fabbricato nel fegato durante la notte.

Valori glicemia a digiuno

La glicemia a digiuno è compresa tra i 0.70 grammi/L e l’1.10 grammi/L. La glicemia dopo un pasto oscilla in media tra 1 e 1.4 g/l due ore dopo il pasto (periodo in cui è solito iniziare la digestione). Secondo l’OMS, il diabete è da definirsi a partire dal momento in cui la glicemia a digiuno è superiore o uguale a 1.26 g/L. Al fine di una diagnosi completa e corretta si consiglia di verificare il valore almeno una seconda voglia per avere più riscontri di questo dosaggio.

Dosaggio emoglobina glicata

L’emoglobina glicata o HbA1C valuta la glicemia media nel lasso di 3 o 4 mesi precedenti il dosaggio sanguigno. Essa rappresenta un’indicazione retrospettiva e cumulativa della glicemia del periodo. L’emoglobina glicata può essere definita come la memoria del controllo glicemico mentre la glicemia fornisce informazioni in un dato momento. La glicemia glicata è un indicatore efficace del trattamento mirato del diabete e dei rischi di complicazioni e il suo dosaggio deve essere tra il 4% e il 6%. Per coloro che soffrono di diabete questo dosaggio deve essere inferiore a 7%.


Per saperne di più: Emoglobina glicata
Il documento intitolato « Glicemia a digiuno: valori normai e alterati » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.