0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Clamidia: quanto è frequente?

Clamidia, una infezione sessuale molto comune, ma che è importante conoscere. Ecco perché, come si trasmette e come si cura .

Clamidia, una infezione sessuale trasmissibile abbastanza comune.


Clamidia, una malattia di cui si torna a parlare in tutta Europa. I dati del rapporto Guidance on chlamydia control in Europe pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cepcm) mostrano che, con 3,2 milioni di casi registrati in nove anni è l'infezione a trasmissione sessuale più diffusa in Europa. Colpisce, spiegano, soprattutto le giovani donne ed è importante identificarla, per non rischiare danni all'apparato riproduttivo e rischi di sterilità.

Clamidia: cos'è?

L'Istituto Superiore di Sanità italiano ci ricorda che parliamo di una infezione sessualmente trasmissibile causata da un batterio, chiamato Chlamydia trachomatis.

Clamidia: i rischi

Anche in Italia i casi riguardano soprattutto le donne e, nonostante i sintomi non siano leggeri, spiegano dall'Iss, passa spesso inosservata, con conseguenze anche gravi: dal 10 al 40% delle donne con infezione non trattata sviluppano la malattia infiammatoria pelvica che può portare a sterilità. Anche per gli uomini, però, continua l'istituto, nuovi studi ipotizzano rischi simili.

Clamidia: la trasmissione

Il batterio si trasmette soprattutto attraverso i rapporti sessuali, ma anche in gravidanza, con il parto, si può passare al neonato l’infezione, causandogli congiuntivite e polmonite.
Ovviamente l'uso del preservativo previene il rischio di contagio.

Clamidia: i sintomi

Come si anticipava, la clamidia è asintomatica, almeno nella grande maggioranza dei casi. Dopo una o due settimane dall'infezione, tuttavia, nelle donne il batterio, infettando la cervice e l’uretra, causa perdite vaginali anomale o una fastidiosa sensazione di irritazione. In seguito si possono avere (non in tutti i casi) dolori addominali al basso ventre, alla schiena, nausea, febbre e perdite ematiche anche al di fuori del ciclo. Nel caso sia trasmessa attraverso un rapporto anale o orale, può infettare ovviamente retto o gola, causando dolori e sanguinamenti.

Clamidia: diagnosi e cura

Si diagnostica con un semplice esame di laboratorio, con campione dei tessuti (ad esempio, un tampone vaginale) e delle urine. Si cura con antibiotici, prescritti secondo un piano terapeutico deciso dal medico.

Copyright foto: Fotolia

Potrebbe anche interessarti

Il documento intitolato « Clamidia: quanto è frequente? » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.