Palpebra che trema: cause

Fai una domanda
Il fenomeno delle palpebre che tremano prende il nome di fascicolazione. L’evento, la cui causa è ancora sconosciuta, provoca un’attività muscolare involontaria sotto forma di piccole scosse involontarie e frequenti. Quali le cause? Ecco alcuni consigli.


Tremolio palpebra - Definizione

Il tremolio della palpebra è dovuto ad un impulso incontrollato che parte dalle fibre muscolari. Queste fibre costituiscono un fascio che dà origine alla definizione tecnica di fascicolazione. Il muscolo interessato tende a contrarsi inaspettatamente e causa il tremolio della palpebra, ma è possibile che tutti i muscoli del corpo possono essere interessati. I tremori muscolari possono a volte essere associati anche a dei crampi. Una fascicolazione è solitamente passeggera e benigna, ma comunque fastidiosa poiché data dall’attivazione di fibre nervose, di cui si ignora la causa. Tuttavia, spesso la contrazione del muscolo orbicolare dell’occhio è responsabile di una fascicolazione delle palpebre provocata da stanchezza visiva.

Cause

Le palpebre che tremano sono un disturbo molto frequente e non deve allarmare. Esso è segnale di una carenza di magnesio o di un eccesso di calcio, oppure il tremolio delle palpebre può essere conseguenza di una leggera spasmofilia, stanchezza oculare, stress e/o nervosismo, consumo eccessivo di caffeina o mancanza di sonno, attività fisica intensa. Alle carenze di magnesio si può sopperire integrando magnesio nella propria dieta alimentare. Alcune patologie neurologiche possono essere annoverate, seppur raramente, tra le cause di questo fastidio.

Diagnosi

La diagnosi riposa sulla determinazione per esclusione di patologie. Il medico, infatti, verifica che non si tratta di patologie più gravi e può prendere in considerazione un esame di ’elettromiografia, atto a mostrare potenziali fascicolazioni. Prove sotto sforzo possono essere realizzata alla ricerca di una debolezza muscolare.

Consigli

Se si hanno le palpebre che ballano è bene rivolgersi al proprio medico curante per eventuali accertamenti.


Foto: © Maridav- Shutterstock.com