0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Xanax, droga (almeno per la Thailandia)

Xanax: droga (secondo la Thailandia) perseguibile con l'arresto. Almeno questo è quello che è capitato, secondo il suo racconto, ad un turista italiano.

Xanax, droga (in alcuni Paesi) per via della sua dipendenza. Bisogna prestare attenzione.


Xanax: droga? Oppure semplice farmaco, cui prestare attenzione quando si viaggia? Sembrerebbe essere un tema dubbio, a sentire il racconto di un cinquantenne di Chioggia in vacanza in Thailandia con compagna e amici, a quanto riferiscono i quotidiani del Veneto. Valige in mano e in tasca due pastiglie di Xanax, usate per dormire durante in lungo viaggio in aereo (sono spesso consigliate dagli specialisti per chi ha paura o soffre in volo).

In seguito ad una accesa discussione con il proprietario dell'albergo in cui alloggiava il gruppo di amici veneti, è stata chiamata la polizia che, durante una perquisizione, ha trovato le due pastiglie, legali in Italia ma non in Thailandia, che l'uomo teneva (curiosamente) nel passaporto. Sempre secondo il racconto fatto ai quotidiani, l'uomo avrebbe passato tre giorni in carcere, pagato una cauzione e con una bustarella di 250 euro pare sia riuscito a evitare processo e sentenza, per poi rientrare di corsa in Italia.

Xanax è il nome commerciale di un sedativo, uno psicofarmaco del gruppo delle benzodiazepine che in Italia, come in gran parte del mondo, è soggetto a rigida prescrizione perché il narcotico dà dipendenza. In linea di massima, è sempre buona norma viaggiare con le prescrizioni mediche dei farmaci con cui si viaggia, non solo nei Paesi dove il rischio di incarceramento è spaventoso, ma anche in Europa e negli Stati Uniti, o nei paesi medio-orientali, dove su queste sostanze, così come su pillole anticoncezionali o lenti a contatto, la normativa è differente, non solo per il possesso, ma anche per l'eventuale acquisto.

Per quanto riguarda la Thailandia, l'avviso di Viaggiare Informati della Farnesina è chiaro: "Alcuni medicinali legalmente prescritti in Italia sono considerati in Thailandia sostanze stupefacenti il cui possesso è conseguentemente passibile di gravi conseguenze penali: è necessario pertanto dichiararli all’Ufficio della Food and Drug Administration all’arrivo in aeroporto".

Salute in viaggio significa anche questo, viaggiare in modo consapevole e informato.

Copyright foto: Fotolia
Il documento intitolato « Xanax, droga (almeno per la Thailandia) » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.