0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

I formaggi erborinati: attenzione, fragile!

Volete saperne di più sui formaggi a pasta erborinata, detti anche formaggi blu? Ecco tutte le informazioni sulla loro conservazione e degustazione.

I formaggi erborinati, chiamati anche formaggi blu, sono molto fragili e per questo motivo bisogna stare attenti alla loro conservazione.


I formaggi a pasta erborinata sono ingannevoli. Dietro al loro gusto piccante e intenso si nascondono infatti dei prodotti fragili.

Come conservarli

Per non alterare il loro sapore pronunciato, avvolgeteli accuratamente in un panno umido e metteteli in frigorifero, nello scompartimento per le verdure. Meglio ancora, chiudeteli in una scatola ermetica di plastica per evitare che assorbano l’odore degli altri alimenti, e viceversa. 

Una volta cominciati, possono seccarsi molto velocemente. È quindi d’obbligo avvolgerli delicatamente in un foglio d’alluminio (o di un altro materiale), bucherellandolo qua e là. In tutti i casi, è preferibile cambiare regolarmente il foglio in cui sono avvolti perché sono dei formaggi molto umidi.

La durata di conservazione varia da qualche settimana a circa tre mesi, a seconda del tipo di formaggio.

Come degustarli

Più fragili dei loro colleghi, i formaggi a pasta erborinata vanno comunque tirati fuori dal frigorifero circa un’ora prima della degustazione, non di più. Sprigioneranno così tutti i loro sapori.

Si mangiano alla fine del pasto, su una fetta di pane, eventualmente imburrato per un tocco di dolcezza. Si sposano a meraviglia con le noci, le pere e l’uva, per esempio in un’insalata.

I formaggi blu si prestano benissimo ad essere utilizzati in cucina. Danno un tocco cremoso a molti piatti. Nelle torte salate, nei piatti gratinati o sulla pasta, permettono di mettere in risalto i sapori con il loro gusto pepato e piccante. Questi formaggi robusti sono eccellenti anche nei ripieni di carne e di verdure. E non dimenticate la frutta: avete mai provato il risotto con pere, gorgonzola e noci?

E il vino?

Ovviamente, non si può parlare di formaggi senza citare il vino. I formaggi blu hanno un gusto deciso che si accorda a meraviglia con i vini rossi robusti. Anche con un porto formano una bella accoppiata. Ma i bianchi non sono da meno. Provate quindi a degustare il gorgonzola con un vino bianco liquoroso. Sì, sì, avete letto bene. Il risultato vi sorprenderà!

Copyright foto: Istock
Il documento intitolato « I formaggi erborinati: attenzione, fragile! » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.