0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Addio a Pino Daniele: il cantautore napoletano è morto stroncato da un infarto

Il cantautore napoletano Pino Daniele è morto a causa di un infarto nella notte del 5 gennaio. A darne la notizia sul web, confermata all'Ansa dal manager del cantante, è stato l'amico Eros Ramazzotti. Pino avrebbe compiuto 60 anni il 19 marzo.

Il cantautore napoletano Pino Daniele è morto nella notte del 5 gennaio.


Il mondo della musica piange la scomparsa di Pino Daniele. Il cantautore napoletano, che avrebbe compiuto 60 anni il prossimo 19 marzo, è morto nella sua casa di campagna in Toscana, durante la notte del 5 gennaio, a causa di un infarto. 

A darne per primo la notizia sul web è stato Eros Ramazzotti che, pubblicando una foto dell'amico su Instagram, scrive: “Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perché eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo.....”
La conferma è arrivata nella notte, prima dalla figlia e poi dal manager del cantante, Ferdinando Salzone, che ha confermato all'Ansa il “momento terribile”.

Pino Daniele inizia con i Batracomiomachia all'inizio degli anni '70, poi diventa bassista dei Napoli Centrale, nel 1975, ma è grazie al produttore della casa discografica Emi Italiana, Claudio Poggi, che inizia la carriera di solista e pubblica il suo primo album di esordio nel 1977, Terra mia in cui il primo brano Napul'è diventa la colonna sonora di una carriera ricca di successi e della sua città natale, tanto amata, celebrata e criticata nelle sue canzoni. Nel 1979 arrivano Je so' pazz e Je sto vicino a te, ma è il 1980 l'anno del successo mondiale: dopo aver aperto il concerto milanese di Bob Marley, il cantautore napoletano si esibisce in Canada e in Francia. Musicista impegnato, con 'O scarrafone del 1991 denuncia la xenofobia. Nel 1993 nell'album Che Dio ti benedica, inserisce un brano scritto da uno dei suoi più grandi amici, l'attore Massimo Troisi. Negli anni 2000 si inizia ad interessare alla musica latina e pubblica nel 2005 l'album Iguana Café, con il quale si dirige verso un sound più cubano e caraibico. Le sue ricche collaborazioni gli consentono nel 2007 di effettuare una nuova tournée in giro per l'Europa riuscendo sempre ad ottenere il sold out. Il 1 settembre 2014 si esibisce  all'Arena di Verona per il 34esimo anniversario dell'album Nero a metà e pubblica un Extended Version del 1980 con due inediti, Tira A Carretta e lo strumentale Hotel Regina

Un "nero a metà", ecco cosa è stato Pino Daniele per la musica italiana, creatore di un sound appartenente solo alla sua voce inconfondibile, un misto tra blues, jazz e rock. Il cantautore diceva sempre “Non scrivo testi, ma poesie d'amore”: l'Italia dice così addio ad uno dei suoi poeti.

Copyright foto: Kika Press 
Il documento intitolato « Addio a Pino Daniele: il cantautore napoletano è morto stroncato da un infarto » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.