0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Genitori detective grazie alle app

Dalla culla alla maggiore età, ecco le app che permettono ai genitori di controllare la vita dei figli intrufolandosi nei loro smartphone e nei loro spostamenti.

Le app permettono di controllare i figli dalla culla fino all'adolescenza.


Con i tempi che corrono e le app che escono, in qualche anno (forse meno) la fiducia non servirà più a niente, i genitori assomiglieranno sempre di più a dei detective e i figli a dei sospettati. Se per comprare gli smartphone dedicati ai bambini ma tanto cari a mamma e papà sudcoreani, ansiosi di tenere sotto controllo la prole, dobbiamo aspettare ancora un po', per cedere all'apprensione e scaricare le app-segugio basta un clic

Dalla culla all'adolescenza ce n'è una per ficcare il naso in tutte le situazioni quasi sempre a costo zero. Al punto che astenersi diventa un'operazione di coraggio estremo. Ci sono Babyphone e Baby Monitor & Alarm per controllare che il neonato faccia sonni tranquilli e c'è BabyWeek per avere un filo diretto con le educatrici del nido o dell'asilo: loro postano come sta il pargolo e i genitori si tranquillizzano. Se i figli sono un po' più grandi e rimangono a casa da soli, grazie a TimeAway non potranno più mentire sul tempo passato davanti ai monitor. Se invece è il cyberbullismo a spaventare mamma e papà, niente più panico con MamaBear: un vero e proprio cane da tartufo dei Social in cui bazzicano i ragazzini. Basta un insulto, una minaccia o un espressione volgare e il genitore viene immediatamente avvisato con tanto di segnalazione dell’amico colpevole. Ma non solo: Mamabear monitora anche gli spostamenti e, per i più grandicelli, pure la velocità a cui guidano. E ancora un'altro terzo occhio dei Social è Connect, l'app in grado di monitorare il profilo di chiunque, ovunque (virtualmente parlando, ovvio) si trovi. Con MobileKids, invece, si riceve una notifica ogni volta che i pargoli (magari non più tanto pargoli sulla carta d'identità) usano il cellulare nel bel mezzo della notte, così come quando aggiungono un nuovo contatto o quando scaricano una nuova applicazione.

Quando arriva il giorno in cui i ragazzini ricevono le chiavi di casa e vanno in giro da soli, i genitori più tecnologici (e angosciati) non potranno più fare a meno delle app che li geolocalizzano, definiscono le zone sicure e avvertono quando qualcosa non va secondo le regole. Lo scaffale, qui, è ricco: Trova i miei amici tiene sotto controllo gli spostamenti grazie all'uso delle mappe e alla sincronizzazione con la rubrica del telefono; Trick or Tracker, oltre a seguire il percorso, avvisa quando il ragazzino si spinge fuori da una zona concordata; Sygic Family consente di controllare la posizione in tempo reale e il livello della batteria degli smartphone; Life360 fornisce anche una cronologia delle posizioni e permette di chiedere aiuto in caso di emergenza chiamando automaticamente l’ospedale o una stazione di polizia. Ma è mSpy il vero incubo degli adolescenti assetatiti di libertà (e privacy). Basti il suo disclaimer che recita: "TopSpyLite è progettata per monitorare i vostri dipendenti, figli o altri su un dispositivo mobile o smartphone che possedete o che avete il diritto e consenso di monitorare". Registra tutto: chiamate, sms, contatti, foto, video, social networking e anche la cronologia del browser. Alla faccia del diario segreto chiuso con il lucchetto e nascosto sotto il materasso degli adolescenti che furono.

Last but not least
, se vostro figlio ignora telefonate o sms, potete fare come Sharon Standifird, americana del Texas, una "madre frustrata" - come l'ha definite la rete tv Cbs -, che stanca di non ricevere mai risposta si è inventata Ignore No More (per ora solo negli States). E la frustrazione è sparita in un attimo: basta infatti inserire un codice e il cellulare del giovane ribelle si blocca. Le uniche chiamate permesse sono al numero di emergenza americano, il 911, oppure a mamma e papà, unici custodi del codice segreto che, dopo una bella strigliata, possono inserire facendo resuscitare il telefono. Per decidere, magari insieme, figli e genitori, che è la fiducia la migliore app che sia mai stata inventata. 

Copyright foto: Istock 

Potrebbe anche interessarti

Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo