0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

10 trucchi per alleviare i disturbi della gravidanza

Mal di schiena, stanchezza, nausea... la gravidanza è spesso accompagnata da piccoli disturbi. Non è niente di grave, ma è importante non sottovalutarli. Tanto più che esistono delle soluzioni per alleviarli!

Reflusso e bruciori di stomaco

Mangio più spesso
Pesantezza, gonfiore, acidità... sono tanti i problemi digestivi legati alla gravidanza. L’aumento di volume dell’utero, infatti, comprime lo stomaco. Inoltre, gli ormoni

La gravidanza provoca diversi disturbi... ecco i trucchi per alleviarli.

che vengono prodotti fin dall’inizio della gravidanza provocano la distensione dei muscoli del corpo, compresi quelli dell’apparato digerente. Il rallentamento della digestione infatti allunga i tempi di assimilazione degli alimenti, per favorire la crescita del bambino. 

Cosa bisogna fare:
Già lo sapete, il fatto di essere in dolce attesa non significa che dobbiate mangiare per due. Se avete dei problemi digestivi, però, dovete mangiare regolarmente. Fate tre pasti al giorno + due spuntini. Questo sistema permette di consulare cibi meno grassi e in porzioni meno abbondanti a pranzo e a cena, distribuendo meglio l’assunzione degli alimenti.

Copyright foto: Istock

Mal di schiena

Smetto di prendere in braccio il figlio più grande
Durante la gravidanza e nei i mesi successivi al parto, le donne si lamentano spesso del mal di schiena. Questo disturbo è provocato dagli ormoni prodotti durante la dolce attesa e dalla deformazione della colonna vertebrale dovuta al pancione. Una cattiva postura, inoltre, contribuisce spesso all’intensità del dolore. 


Ecco gli errori da evitare:
- Inarcare la schiena quando ci si alza dopo essere state sedute. Cosa bisogna fare: girarsi di lato e fare leva sul braccio per rialzarsi, senza fare sforzi.
- Curvare la schiena quando ci si china per raccogliere qualcosa a terra. Cosa bisogna fare: flettere bene le gambe in modo che la colonna vertebrale resti dritta.
- Portare pesi (la spesa, gli scatoloni, ma anche i bambini!).  Cosa bisogna fare: distribuire il peso su entrambi i lati e usare un carrellino trolley per fare la spesa. Se avete un altro figlio e soffrite di mal di schiena, dovete smettere di prenderlo  in braccio. Spiegategli  il motivo, e soprattutto che niente vi impedisce di coccolarlo e di tenerlo sulle ginocchia quando siete sedute!

Evito di stendermi
Quando si è incinta si ha spesso tendenza ad accasciarsi in poltrona, con la pancia in avanti. In realtà è una cattivissima abitudine, che rischia di schiacciare le vertebre. Risultato: il vostro mal di schiena rischia di peggiorare. Altre abitudini da perdere: rialzarsi inarcando la schiena e incrociare le gambe.


Cosa bisogna fare:
Quando siete sedute, tenete la schiena eretta, ma non tesa: appoggiatevi bene aderendo allo schienale. Un poggiapiedi può aiutarvi a trovare una posizione più comoda. Se vi sentite veramente troppo stanche per tenere questa posizione, potete infilare un cuscino cilindrico dietro la parte alta della schiena (all’altezza delle scapole).

Buono a sapersi:
Per alleviare il mal di schiena esistono dei semplici esercizi di stretching da poter fare a casa. Non esitate a farvi consigliare da un fisioterapista.

Nausea

Mangio a partire del risveglio
La nausea: un classico delle donne incinte. Questo disturbo della digestione è il fastidio che si presenta più spesso durante la gravidanza, soprattutto nei primi tre mesi. Tuttavia, è possibile attenuarne i sintomi grazie a qualche consiglio pratico.
La nausea viene favorita da degli intervalli di tempo troppo lunghi tra un pasto e l’altro. In altre parole, quando lo stomaco è vuoto, gli acidi che contiene scatenano l’attacco di nausea. È per questo che gli attacchi sono più frequenti al risveglio: sono provocati dal digiuno notturno. 


Cosa bisogna fare :
Come prima cosa la mattina, invece fare una doccia o lasciarsi assorbire da mille incombenze (due cose che rischiano di provocare un attacco di nausea), cominciate la giornata con una colazione. Non c’è bisogno che sia abbondante, può bastare qualche biscotto. Potete prepararlo sul comodino la sera prima, per essere sicure di non dimenticarvene al risveglio!
Se evitate di stare troppo a lungo a stomaco vuoto gli attacchi di nausea durante la giornata saranno meno intensi. La soluzione è distribuire i pasti (come abbiamo detto, tre principali e due spuntini) e bere molta acqua. 

Scappo dai cattivi odori
Lo sapete già, le donne incinte sono più sensibili agli odori. Dato che natura non fa mai le cose a caso, questo fenomeno funziona come un sistema di allarme contro tutto ciò che potrebbe risultare tossico per il nascituro. È per questo che l’odore dei prodotti per la casa, del tabacco o della carne scaduta viene percepito più intensamente. Il problema è che questa ipersensibilità può far aumentare gli attacchi di nausea. L’odore del tabacco al risveglio, anche se lieve, può bastare per provocare un attacco di vomito. 


Cosa bisogna fare:
Se sono gli odori della cucina a nausearvi, fate colazione a letto. Se invece non riuscite a sopportare l’odore del caffè, chiedete al vostro partner di essere comprensivo e di svuotare velocemente la moka dopo essersi servito. Allo stesso modo, nel caso le uova strapazzate a colazione siano la sua passione e l’odore vi dia fastidio, chiedetegli di fare uno sforzo finché siete in gravidanza.

Per finire, non forzatevi a mangiare dei cibi di cui non avete voglia o che vi hanno sempre dato nausea. Fidatevi delle vostre voglie e delle vostre papille!

Stanchezza cronica

Faccio dei riposini
La stanchezza è una delle componenti inevitabili della gravidanza, soprattutto nel primo e terzo trimestre. I primi mesi il corpo è in una fase di stravolgimento ormonale, fisico e emotivo, ed è normale che si affatichi. Dopo un periodo in cui si tende a riguadagnare le energie perdute, la stanchezza si ripresenta generalmente al sesto o settimo mese. Attenzione, spesso si tratta di un campanello d’allarme. Bisogna quindi saper ascoltare il proprio corpo e non trascurare i segnali.


Cosa bisogna fare:
Dovete semplicemente riposarvi ogni volta che potete. La notte, se potete, dormite una o due ore in più. Non aspettate di essere sfinite per andare a letto, tanto peggio per la fine del film! Quanto alla sveglia, fatela suonare un po’ più tardi e chiedete al vostro partner di portarvi la colazione a letto.
Durante la giornata, se ne avete la possibilità, fate dei riposini senza sentirvi in colpa. Bastano delle brevi sieste, per non provocare delle insonnie notturne. Allo stesso modo, quando tornate a casa dal lavoro la sera, stendetevi un momento, giusto il tempo per riprendere un po’ di forze, soprattutto se poi dovete dedicarvi al bagnetto del vostro figlio più grande. Per finire, fatevi aiutare il più possibile, dal partner, dalla famiglia e dagli amici.
Il miglior barometro della vostra gravidanza è la vostra stanchezza. Se vi rendete conto di essere affaticate a livelli preoccupanti o troppo spesso, contattate rapidamente il vostro medico per verificare che tutto sia nella norma.

Dei momenti solo per me
Se questa è la vostra prima gravidanza, sarà più facile per voi trovare il tempo per riposarvi in tutta calma. La prima gravidanza ha sempre un posto molto speciale nella crescita della coppia e della famiglia in generale. Quando si tratta del secondo (o più) figlio, la stanchezza arriva prima: si è sempre prese con mille cose e riposarsi è impossibile. Inoltre, ci si focalizza meno sulla gravidanza, visto che è qualcosa di già vissuto e c’è meno da scoprire. Così, si ha la tendenza ad ascoltare meno il proprio corpo. 


Cosa bisogna fare:
Ritagliatevi dei momenti solo per voi. Delle pause relax in piscina, un appuntamento in più dal parrucchiere per continuare a prendervi cura del vostro aspetto, o bel bagno caldo dopo una giornata movimentata... insomma, è importante che vi rilassiate il più spesso possibile.
I benefici del relax durante la gravidanza non sono più da dimostrare. Lo stress si riduce e la stanchezza psicologica diminuisce. Per prepararvi al parto e distendervi, praticate la ginnastica dolce, lo yoga o la sofrologia.
Non dimenticate che è indispensabile riposarvi fino alla fine della gravidanza: avrete bisogno di tutta la vostra energia il giorno fatidico, e per il mese successivo!

Stitichezza

Scelgo i pasti adatti
L’intestino di una donna incinta funzione al rallentatore, soprattutto quando si aveva già una tendenza alla stitichezza prima della gravidanza. È un problema che non deve essere sottovalutato perché può provocare delle infezioni urinarie o danneggiare il perineo, già messo a dura prova durante la gravidanza (per il peso del nascituro) e durante il parto. 


Cosa bisogna fare:
Durante tutta la giornata, bevete molta acqua, almeno un litro e mezzo al giorno. Preferite i cibi ricchi di fibre, che facilitano il transito intestinale: frutta fresca, verdure, pane integrale, riso integrale... Un bicchiere di succo d’arancia o un kiwi al risveglio per spezzare il digiuno notturno sono generalmente efficaci. Consigliate anche le prugne (senza esagerare però: sono molto zuccherose e caloriche).

Faccio esercizio
Secondo consiglio per accelerare il transito intestinale: fare dell’esercizio fisico. Più il corpo è attivo, più lo è anche l’intestino. Che sia una mezz’ora di passeggiata, o qualche bracciata in piscina, bisogna restare in movimento. Attenzione, non tutti gli sport sono consigliati! Quelli violenti o intensi (sci, bicicletta, sport da combattimento, squash, eccetera) non devono essere praticati in gravidanza. 


Cosa bisogna fare:
Preferite le passeggiate (trenta minuti al giorno), il nuoto (benefico per la schiena, la respirazione e la distensione dei muscoli) o la ginnastica di gruppo.
Il documento intitolato « 10 trucchi per alleviare i disturbi della gravidanza » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.