Disfagia: sintomi della difficoltà a deglutire

Fai una domanda
La disfagia è la difficoltà a deglutire causata da problemi a livello di faringe o di esofago. Può portare a disidratazione, malnutrizione, polmonite o broncopolmonite, quindi va riferito lo stato tempestivamente al proprio medico curante.


Sintomi

Tra i sintomi della disfagia c’è l’affaticamento durante i pasti, la necessità di effettuare più deglutizioni per boccone, eventuali rigurgiti e colpi di tosse. La diagnosi, dopo l’accertamento del medico curante, viene fatta da un otorinolaringoiatra, che può definire con esattezza l’entità e la causa del disturbo.

Cause

Le cause della disfagia possono essere molto diverse, sia neurologiche che infettive, ma anche metaboliche, o strutturali. Si presenta con una certa frequenza nei soggetti anziani affetti da patologie neurologiche.

Disfagia nell'anziano

Come si accennava, la disfagia nell'anziano può presentarsi in seguito a malattie come ictus, Alzheimer, morbo di Parkinson, oppure come effetto di farmaci specifici, che indeboliscono i muscoli della mascella, e infine come effetto collaterale della perdita di denti. Tra le complicazioni più serie c’è anche la cosiddetta polmonite ab ingestis, perché liquidi e cibo passando per le vie aeree vanno nei polmoni provocando uno shock settico.

Cure

La cura dei problemi di deglutizione dipende ovviamente molto dalla causa, dal paziente e dal suo stato. Rara è la via chirurgica, mentre a seconda dei casi il medico suggerirà dei diversi modelli posturali, ad esempio sedersi correttamente mentre si mangia, alzandosi in piedi se il cibo si blocca o facendo esercizi per i muscoli della mascella. Si può anche migliorare la deglutizione imparando a tagliare il cibo a pezzi più piccoli e aiutandosi con delle bevande o ammorbidendo i cibi con preparazioni più adatte e cremose.

Testo revisionato dalla dottoressa Pacini Pamela
Foto: © akz - 123RF