Impetigine: cause, sintomi e terapia

Fai una domanda
L' impetigine è una infezione batterica che si riscontra di frequente nei bambini, soprattutto d’estate.



Incubazione dell’impetigine

Il periodo di incubazione varia a seconda che l’infezione sia dovuta a stafilococco o a streptococco, ma di solito va da uno a tre giorni per lo streptococco, da quattro a dieci giorni per lo stafilococco.

Come si prende l’impetigine

L’impetigine è causata da streptococchi, stafilococchi o da entrambi gli organismi. Tra i fattori che aumentano il rischio ci sono l’umidità, le infiammazioni, le alterazioni della normale flora cutanea o dello stato di salute, come in caso di immunocompromissione. Si tratta di una manifestazione contagiosa.

Impetigine in gravidanza

Se contratta in gravidanza, va effettuata la terapia che non ha controindicazioni per il nascituro, ma bisogna informare immediatamente il medico curante.

I sintomi dell’impetigine

Le lesioni dell’impetigine, piccole vescicole o bolle piene di siero e circondate da un alone eritematoso, possono colpire tutta la superficie del corpo, in particolar modo le zone scoperte come viso, collo o mani. A volte si accompagnano a prurito, più raramente a febbre.

La terapia per l'impetigine

La terapia è topica, a base di disinfettante, antibiotico e bendaggio delle lesioni, evitando le recidive ma anche il contagio con altri membri della famiglia.

Impetigine e rimedi naturali

Non esistono trattamenti naturali o omeopatici che ottengano gli stessi risultato del trattamento con antibiotico.

Foto: © Ocskay Bence Mor - 123RF