Anemia sideropenica: sintomi e cause

Fai una domanda
Si parla di anemia sideropenica o anemia da carenza marziale, quando l’anemia è la conseguenza di una mancanza di ferro nel sangue. L’anemia, di per sé designa una carenza dei globuli rossi nel sangue (abbassamento di emoglobina).



Cause

L'anemia sideropenica è un’anemia detta microcitemica, ossia sviluppatasi in presenza di globuli rossi di tagli più piccola della norma (microcitemia). È il tipo di anemia più diffusa sia negli uomini, a causa di perdite di sangue digestive, sia nella donna a causa delle mestruazioni o per entrambi, in caso di una diminuzione dell’assorbimento del ferro.

Sintomi

I sintomi di un’anemia sideopenica sono spesso poco evidenti, soprattutto in caso di anemia lieve. Tuttavia, stanchezza, pallore, mal di testa o mancanza di respiro sotto sforzo possono essere segnali che possono allarmare. In alcuni casi si possono notare capelli e cute secca.

Diagnosi

La determinazione della diagnosi di anemia avviene tramite prelievo di sangue ed emogramma (analisi che consente di definire la composizione del sangue nelle sue diverse parti). Il medico potrebbe anche prescrivere ulteriori esami complementari che confermino se i sintomi presentati dal paziente siano collegati o meno alla carenza di ferro.

Cura

Per rimediare a questa carenza di ferro si dovranno dapprima determinare le perdite di sangue croniche o malassorbimento del ferro all’origine e risolverle. Poi si opterà per una dieta ricca di ferro e atta a sopperire alla mancanza (per coloro che soffrono di problemi intestinali, il ferro potrebbe essere somministrato via endovenosa) o attraverso integratori. In caso di anemia grave può essere contemplata anche una serie di trasfusioni.

Dieta per anemia

A fini preventivi e per alleviare il disturbo è bene seguire, come già accennato, una dieta bastata su cibi ricchi di ferro come fegato, uova, lenticchie, frutti di mare, e altro.

Foto: © andras_csontos - Shuttertock.com