Mani-bocca-piedi: incubazione, contagio e cura della malattia

Fai una domanda
La sindrome mani-bocca-piedi è una patologia legata principalmente dal Coxsackie virus, anche se esistono altri tipi di virus in grado di causarla.


Bocca-mani-piedi negli adulti

Si tratta di una classica malattia dell’infanzia ma, anche se meno frequente, può colpire gli adulti, con decorso simile a quello dei bambini. Anzi, spesso il portatore sano del virus, veicolo di trasmissione, è proprio l’adulto.

Mani-bocca-piedi e contagio e durata

Il contagio avviene per contatto diretto oro-fecale (per diverse settimane dopo la guarigione) o con secrezioni nasali e di saliva nella fase iniziale della malattia.

A seconda della gravità della patologia il decorso, con febbre, dolori addominali, mal di testa e diarrea, varia dai 5 ai 10 giorni.

Incubazione

L’incubazione della bocca-mani-piedi va dai 3 ai 6 giorni ed insorge tramite piccole afte a livello della bocca, del palato anteriore e della lingua. Dopo qualche giorno compaiono delle piccole bollicine rosse sul palmo delle mani e sulla pianta dei piedi.

La bocca-mani-piedi si può riprendere?

Si, perché chi ne è colpito è comunque sensibile agli altri ceppi della malattia, quindi è possibile contrarla più di una volta ed è bene prevenirla con il lavaggio frequente delle mani e stando attenti a non avvicinarsi troppo a chi ne è colpito.

Bocca-mani-piedi in gravidanza

In gravidanza la malattia mani-piedi-bocca purtroppo può non essere evidente fino a stati più seri come l’aumento del volume del liquido amniotico.

Cura

La malattia deve fare il suo decorso e contro i sintomi si possono al massimo assumere farmaci contro febbre e dolore prediligendo, per alleviare i disturbi, alimenti freddi, evitando invece cibi troppo caldi, salati o acidi.


Foto: © hannamariah - 123RF