Ferritina - Definizione

Fai una domanda
La ferritina è una proteina che consente di immagazzinare il ferro essenzialmente a livello del fegato, ma anche nella milza, nel midollo osseo, contribuendo così a regolare la concentrazione di ferro che circola nell’organismo (sideremia). Il suo tasso nel sangue definito ferritinemia consente una valutazione della quantità del ferro in riserva. In caso di abbassamento della ferritinemia si parlerà di carenza di ferro o verranno sospettate delle perdite di sangue. Al contrario, in caso venga osservato un aumento della ferritinemia nel sangue molte sono le cause che possono essere ricondotte: malattie implicate nella regolazione del ferro, come emocromatosi; ferritina alta a causa di infezioni; per la distruzione delle cellule epatiche nel corso di un’epatite; in presenza di tumori che interessano fegato, rene, polmone, pancreas o del seno. Questo aumento può essere sintomatico anche di una leucemia o di un linfoma, come il morbo di Hodgkin.

[Leggi anche: link a fiche Ferritina nel sangue]