Nevralgia di Arnold: sintomi e trattamento

Fai una domanda
La nevralgia di Arnold è un disturbo che colpisce un nervo periferico sito alla base del cranio. Trattasi di una patologia dolorosa che può presentarsi in seguito a un trauma o spontaneamente causando fastidiose cefalee.


Nervo di Arnold: cos’è

Il nervo di Arnold è un nervo bilaterale e voluminoso formato attraverso il ramo posteriore della seconda radice cervicale (C2) il cui compito è di innervare i muscoli profondi del collo agendo a due livelli: sul piano motorio (mobilità del collo) e sul piano sensibile permettendo di sentire il cuoio capelluto.

Nevralgia occipitale di Arnold

La nevralgia di Arnold è una neuropatia periferica (disturbo che colpisci un nervo periferico) che si manifesta tramite dolori localizzati e descritti come bruciori o scariche elettriche. Una volta comunicati questi sintomi al medico questo procederà ad una radiografia o una risonanza magnetica della cervicale per confermare la diagnosi.

Cause

Come tutte le nevralgie questa patologia può presentarsi in maniera spontanea o essere la conseguenza di un trauma. Traumatismi a livello della cervicale che fanno seguito a una caduta o a un incidente stradale sono tra le cause più frequenti della nevralgia di Arnold. Tra le cause locali di questa patologia ci può essere un blocco di una delle vertebre cervicali, lesioni alla base del cranio, reumatismo o (raramente) un disturbo del midollo spinale conosciuto con in nome di siringomielia.

Sintomi

Il dolore è una delle principali manifestazioni della nevralgia di Arnold. Questo si localizza nella fascia posteriore della nuca, è particolarmente vivo (sensazione di bruciore) quando il collo è in movimento. Tale dolore può essere continuo o sporadico, spesso irradiato dalla regione cervicale a quella frontale, ed essere scatenato per contatto. Sensibilità del cuoio capelluto e cefalee tra gli altri sintomi.

Trattamento

I trattamenti per la nevralgia di Arnold proposti che sono soliti essere utilizzati per questa patologia sono infiltrazioni di cortisone atte ad attenuare il dolore locale e rieducazione del rachide cervicale. Delle sedute di osteopatia e mesoterapia sono spesso consigliate ma devono essere effettuate da professionisti competenti.

Foto: © staras -123RF

Potrebbe anche interessarti