Separazione consensuale: in Comune, in Tribunale o negoziazione? 

Giulia Vola

Se i coniugi decisi a lasciarsi hanno raggiunto l'accordo sulle questioni fondamentali procedono con una separazione consensuale: ecco le tre alternative.

La separazione consensuale è più veloce ed economica di quella giudiziale che schiera un ex contro l'altro. © goodluz/123RF


Non è facile dirsi addio, quando però non ci sono alternative è meglio farlo in pace, con una separazione consensuale che, come cantava Paolo Conte, basta un attimo per ritrovarsi a dire “il tuo avvocato è proprio un asino. No, certe cose non si scrivono...che poi i giudici ne soffrono”. A differenza di una separazione giudiziale (che schiera gli ex in uno contro l’altro in un vero e proprio giudizio) la separazione consensuale è più veloce, economica e sana, dal momento che presuppone un pieno accordo degli ex su tutto. Per lo meno sulle questioni fondamentali: patrimoniali, i beni da dividere, la casa coniugale, l'affidamento e la residenza dei figli e l'assegno di mantenimento. Chiariti i fondamentali le soluzioni possibili sono tre.


Separazione consensuale in Comune: veloce e gratis

Consentita solo ai coniugi che non hanno generato figli oppure, nel caso ne abbiano avuti, siano maggiorenni e autosufficienti al momento del procedimento, la separazione in Comune si ottiene senza la presenza di avvocati o giudici. La procedura, abbastanza veloce e gratuita, è la ratifica davanti all’ufficiale di stato civile dell’accordo raggiunto tra le due parti. Tuttavia gli incontri sono due: al primo l’ufficiale tenta la conciliazione, quindi ne fissa un secondo, ad almeno un mese di distanza, nel quale verrà confermato l’accordo e statuita la separazione.


Tribunale: la separazione consensuale più diffusa

La separazione consensuale in Tribunale è la più gettonata, nonostante sia abbastanza costosa perché, per separarsi i coniugi devono essere rappresentati da un legale (è possibile nominarne uno per entrambi, la spesa media è 1500 euro) e devono depositare un ricorso in tribunale (contributo unificato di 43 euro). Circa sei mesi dopo vengono convocati dal Presidente del Tribunale per la ratifica dell’accordo: trascorsi altri sei mesi possono procedere al divorzio.


Negoziazione assistita: la separazione consensuale sottoscritta

Nel caso della negoziazione assistita, l’accordo tra le parti viene sottoscritto non da un tribunale ma dai rispettivi avvocati (ciascun coniuge deve avere il suo). Vantaggi: la procedura è molto veloce e non si paga il contributo unificato. Svantaggi: le parcelle degli avvocati sono, per forza, doppie. Anche con la negoziazione, sei mesi dopo la sottoscrizione si può procedere con il divorzio.

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.