Giuseppe Tornatore: molestie? "Ho la coscienza a posto"

Giulia Vola

Ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa, il regista premio Oscar Giuseppe Tornatore risponde alle domande sulle presunte molestie di cui lo accusa Miriana Trevisan.

Giuseppe Tornatore ha dichiaratoche "l'incidente" non lo ha fatto soffrire, più che altro lo ha stupito. © Kika Press


Giuseppe Tornatore ospite a Che Tempo Che Fa risponde alla "domanda sgradevole" di Fabio Fazio pesando le parole e guardandolo dritto negli occhi. L'argomento sono le molestie sessuali di cui lo ha accusato Miriana Trevisan. “Io innanzitutto ho la coscienza a posto” premette il regista premio Oscar. Chiama "incidente" l'intervista della showgirl rilasciata a Vanity Fair che ha raccontato l'episodio che risalirebbe a vent'anni fa e sottolinea che "non mi ha provocato sofferenze, stupore invece sì. Soprattutto - prosegue - mi ha svelato una dimensione che non conoscevo, e cioè che una mattina accendendo la televisione o il computer scopri di essere un mostro, di essere uno che non sei". Insomma, se la prende con la stampa che ha dato la notizia, travolgendolo. La stessa stampa contro cui si è scagliata Claudia Zanella, moglie di Fausto Brizzi - il regista accusato da dieci attrici intervistate da Le Iene - costretta "dal processo mediatico" istituito a suo marito, a vivere barricata in casa con la figlia di un anno e mezzo.

Il regista si toglie tutti i sassolini dalle scarpe: "Scopri, attraverso il loro metodo, che certi organi di stampa, non tutti fortunatamente, non seguono regole ortodosse, scrivono che sei un assassino senza riconoscerti il diritto al contraddittorio - puntualizza con quel suo tono cadenzato e moderato -. Certo, tu in seguito potrai sempre cercare di dimostrare che non è vero, ma intanto ormai il danno è fatto: questo è un sistema mostruoso ed è assolutamente inaccettabile”.

Passano pochi minuti e Miriana Trevisan cinguetta su Twitter: "Anch'io la mattina dopo mi sono svegliata credendo di essere sbagliata in un mondo che mi voleva convincere di essere nel giusto". Ne passano pochi altri ed è il turno di Asia Argento, l'attrice che puntando il dito contro Harvey Weinstein ha contribuito a innestare la valanga che ha travolto Hollywood: "Io invece mi sono svegliata il giorno dopo cosciente di essere nel giusto in un mondo completamente sbagliato, pericoloso, terrificante".

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.