Le Iene - dieta anticancro? Mima il digiuno

Cristina Piotti
La dieta che mima il digiuno, di recente tornata alla cronaca con un servizio delle Iene, è una importante scoperta scientifica di Valter Longo, ricercatore italiano.

Dieta che mima il digiuno, l’ha ribattezzata il dottor Longo, che al regime associa proprietà antitumorali.


La dieta anticancro, spiegano Le Iene, arriva dall’Italia. Nell’ultima puntata del programma Nadia Toffa ne parla con il ricercatore italiano Valter Longo, della University of Southern California e direttore del Laboratorio di Oncologia e longevità all‘Istituto di Oncologia Molecolare IFOM di Milano. Uno studioso che di diete salutari se ne intende, visto che il Time l’ha soprannominato "il guru della longevità". Il principio della sua dieta è il digiuno, che da anni è promosso da massimi esperti come Umberto Veronesi. O meglio, la capacità di mimare il digiuno, ovvero replicare quei processi che, astenendosi dal cibo, vanno ad agire su sistema immunitario e nervoso, rallentando l’invecchiamento ma (soprattutto) proteggendo dal cancro. 

Non si tratta certo della scoperta del programma televisivo visto che il medico ne ha fatto un libro appena pubblicato (La dieta della Longevità, edito da Vallardi), nel quale spiega come sia arrivato alle sue conclusioni unendo le buone pratiche di alimentazione che già conosciamo alle abitudini dei soggetti centenari, così da stilare una lista di regole che possono regalare una lunga e sana vita. 
Sono quindici i punti trattati dal medico, dall’evitare gli zuccheri al mangiare più pesce (tranne tonno e spada, perché a rischio di mercurio). Cuore della dieta, cinque giorni di digiuno al mese (per tre mesi). Il che non significa smettere di mangiare, ma farlo solo con verdure bollite, condite con poco olio e spezzando la fame con (poca) frutta secca. 
L’obiettivo del medico è importante: “Far vivere la gente sana fino a 110 anni”. A chi gli fa notare che è un numero molto particolare, lui risponde: "Sono gli anni che è vissuto Salvatore Caruso. Salvatore è stato l'uomo più anziano d'Italia e uno dei 4 ultracentenari che fanno del paese natale dei miei genitori e dei miei nonni uno dei luoghi con il più alto tasso di centenari al mondo: il triplo di quello di Okinawa".
Insomma, non si scappa. La fonte della lunga vita passa per il piatto. Vuoto. 

Copyright foto: Julien Tromeur / 123RF

Vedi anche

Annunci Google

Nessun commento per il momento.