Ernia del disco: sintomi e cure

Gennaio 2018

L’ernia del disco è una lesione della spina dorsale caratterizzato dallo spostamento di una parte di un disco intervertebrale. Essa può essere causata da una compressione di un nervo passante in prossimità e da dolori in tutta la zona innervata dallo stesso nervo. La patologia sopraggiunge, nella maggioranza dei casi tra i 30 e i 50 anni.


Definizione

L’ernia del disco è un’infezione che colpisce i dischi cuscinetto situati tra le vertebre. Questi dischi esercitano un ruolo di ammortizzatore tra le ossa, infatti, consentono di attenuare gli shock e favorire la mobilitazione al livello della colonna vertebrale. Essi giocano un ruolo importante anche nell’allineamento delle vertebre le une tra le altre e in questa armonia, l’ernia si presenta come una protrusione anormale, ossia un’esternalizzazione di un disco intervertebrale.

Ernia del disco - Sintomi

L’ernia del disco si manifesta con un dolore intenso situato nella zona dell’ernia, che può estendersi in direzione di una zona di un membro, poiché essa può comprimere il nervo che passa in prossimità. In alcuni casi, l’ernia risulta essere asintomatica, ma in generale è localizzata a livello delle vertebre più in basso, ossia tra la vertebra L4 e L5, dette anche vertebre lombari e una protusione discale L5 S1 (la lombare L5 e la prima sacra). In caso di ernia cervicale, essa può essere responsabile di una nevralgia cervico branchiale con delle sensazioni di formicolii chiamati parestesia, poste a livello della nuca che possono diramarsi lungo il braccio. In caso l’ernia colpisca al livello delle ultime vertebre lombari, la sintomatologia risulterà simile a quella di una sciatica con dolori lombari che possono prolungarsi al livello della coscia fino alle dita dei piedi, lungo tutto il tragitto del nervo colpito.

Diagnosi

La diagnosi è sospetta in base a ciò che il paziente descrive, i dolori e la localizzazione costituiscono un esame clinico della situazione. Alcuni esami complementari possono essere prescritti, come la radiografia della colonna al livello della zona dolorante, o una TAC o una risonanza magnetica (RMN), a conferma della diagnosi.

Cure

Il trattamento per curare l’ernia del disco si basa per prima cosa sul riposo totale e la somministrazione di analgesici e antinfiammatori, dei miorilassanti e/o anche delle infiltrazioni. Il trattamento è spesso associato a qualche seduta di fisioterapia e l’intervento chirurgico può essere considerato nei casi più gravi.

Operazione ernia del disco

In assenza di un miglioramento a seguito del trattamento e il persistere di forti dolori, il medico curante può avanzare l’idea di operare il paziente affetto da ernia del disco. La laminotomia effettuata sulla colonna consente di ritirare una parte dell’osso vertebrale chiamata lamina vertebrale, liberando il nervo dalla compressione dell’ernia. Altre le tecniche di microchirurgia che possono ridurre i dolori e che risultano meno dannosi. Tuttavia, nonostante l’operazione sia andata a buon fine, i segnali clinici possono persistere.

Prevenzione

Il sopraggiungere di un’ernia del disco può essere prevenuta con delle semplici azioni, come evitare di sovraccaricare il dorso (piegandosi in avanti, piegando le gambe e rialzandosi dolcemente), praticando degli sport tranquilli per il dorso, come nuoto o ciclismo.


Foto: © chingyunsong - Shuttertock.com

Potrebbe anche interessarti

L'articolo originale è stato scritto da Jeff. Tradotto da ClaudiaScarciolla. Ultimo aggiornamento 2 febbraio 2017 alle 12:21 da ClaudiaScarciolla.
Il documento intitolato «Ernia del disco: sintomi e cure» dal sito Magazine Delle Donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.